Coronavirus, Locatelli: “Vi spiego le tempistiche per il vaccino”

Franco Locatelli, presidente del Consiglio superiore di sanità, è intervenuto nel corso della trasmissione Agorà su Rai 3 per spiegare la situazione Coronavirus attuale.

Coronavirus laboratorio
La situazione drammatica nel paese elvetico (Getty Images)

Il presidente del Consiglio superiore di sanità, Franco Locatelli, ha rilasciato un’intervista nel corso della trasmissione Agorà, in onda su Rai 3. Le tematiche trattate vertono, ovviamente, intorno all’epidemia di Covid-19. L’esecutivo, in queste ore, lima i dettaglio del nuovo Dpcm in vista delle feste natalizie. Stando alle parole di Locatelli “le scelte del Governo sono evidentemente ispirate al principio della massima cautela”. Si prova, nel caso specifico, ad evitare di vanificare tutto quanto è stato raggiunto in queste settimane di sacrifici.

La divisione dell’Italia in diverse zone, in particolare, ha portato a tenere “più sotto controllo numeri che mostravano una crescita assai importante”. I dati di ieri, ad esempio, “indicano come ormai la percentuale di tamponi positivi rispetto a quelli effettuati sia in continuo calo”. Questo, ovviamente, si trasforma in concretezza perché negli ospedali “si riduce anche il carico in termini di occupazione sia dei posti letto di area medica sia dei posti nelle terapie intensive”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Dpcm Natale, riflettori puntati sugli spostamenti anche in zona gialla: cosa sarà vietato

Coronavirus, le parole di Locatelli sull’attuale situazione in Italia

Dpcm Natale Coronavirus
Le parole del Css, Franco Locatelli (Getty Images)

Sul tema del vaccino e della vaccinazione, inoltre, Locatelli prova a fare una stima del completamento del piano di somministrazione. “Credo che, entro la fine dell’estate o i primi mesi dell’autunno dovremo completare”.

Se tutto andrà per il meglio “il 29 dicembre e il 12 gennaio l’Agenzia europea del farmaco si pronuncerà rispetto alla documentazione fornita dalle prime due aziende”. Locatelli, inoltre, dichiara che “il tutto dovrebbe consentire di avere di fatto nel Paese più o meno 3,4 milioni di dosi vaccinali, che consentiranno di vaccinare 1,7 mln di persone”.

LEGGI ANCHE >>> Meteo, ancora maltempo su tutta Italia: previsti ulteriori peggioramenti