Dpcm Natale, Boccia su nuovo decreto: “Coprifuoco anche a Capodanno”

Il nuovo Dpcm di Natale, per il ministro Boccia, prevede anche il coprifuoco a Capodanno: Le parole del ministro degli Affari Regionali.

Dpcm Natale
Tutti i nuovi provvedimenti del decreto (Getty Images)

Manca poco al nuovo Dpcm di Natale, pronto ad essere pubblicato il prossimo 3 dicembre. In merito al nuovo decreto è intervenuto il Ministro degli Affari Regionali, Francesco Boccia. Infatti il ministro ha ricordato che le prossime festività si dovranno festeggiare a casa, data la situazione pandemica.

Inoltre il ministro ribadisce la volontà di voler attuare il coprifuoco alle 22 anche per quanto riguarda Natale e Capodanno. Infatti Boccia ha affermato che ad essere d’accordo con lui non c’è solamente il ministro Roberto Speranza, ma anche l’intero Governo. Si darà quindi priorità alle reti sanitarie, pronte a mantenere i miglioramenti visti negli ultimi giorni.

Un altro tema che resta caldissimo nelle ultime ore è quello del ricongiungimento delle famiglie, infatti da giorni è partito un confronto che andrà avanti. Al momento la priorità resta quella di difendere le reti sanitarie, visto che come riporta Boccia, nessuno vorrebbe uina terza ondata di contagi. Quindi anche per il mese di dicembre si sceglierà la linea di rigore e del distanziamento sociale.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Decreto ristori quater approvato: tasse rinviate e indennizzi a stagionali

Dpcm Natale, Boccia: “Prima sicurezza reti sanitarie, poi la campagna vaccinale”

Dpcm Natale
Il ministro Francesco Boccia (foto pagina Facebook)

Il ministro Francesco Boccia ha proseguito la sua intervist affermando di essere a favore di regole chiare e non interpretabili. Inoltre con l’osservazione delle restrizioni a dicembre si metteranno a sicuro le reti sanitarie ed in tal modo si potrà procedere alla campagna vaccinale.  Domani quindi sarà importantissimo la riunione Stato-regioni con Speranza, con poi il premier Conte che in Parlamento tirerà le somme.

Per far capire che con molte probabilità non ci si potrà spostare tra regioni, il ministro Boccia ha dichiarato che in caso si divieto di spostamenti rimarrà a Roma, rinviando l’abbraccio con i genitori in Puglia ad un giorno futuro. Mentre infine sugli affollamenti per lo shopping nelle zone arancione, Boccia ha concluso affermando che tutto ciò è normale, specialmente per le regioni che sono restate chiuse a lungo e con le persone che hanno tanta voglia di uscire di casa.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Speranza: “Non sarà un Natale come gli altri, non possiamo fare errori”

L.P.

Per altre notizie di Politica, CLICCA QUI !