Campania, prenotazione test anti-Covid ritorno a scuola: nessuno risponde

Campania, prenotazione test anti-Covid ma sono molti i disservizi e in pochi riescono a farlo. La Regione: “Non è un tampone molecolare”

campania test covid scuola
Test Covid 19 (Getty Images)

Lunedì scorso in relazione alla riapertura delle scuole d’infanzia e delle prime classi elementari (dal 24 novembre), l’Unità di Crisi della Regione Campania aveva annunciato i test gratuiti per il personale scolastico, gli alunni e i loro familiari.

Come riporta l’edizione napoletana di Repubblica, però, il numero verde attivato per la prenotazione squilla a vuoto. Ma oltre alle mancate risposte telefoniche per l’intenso traffico, c’è anche un problema sullo screening stesso.

Nella prima comunicazione l’Unità di Crisi aveva parlato di “tamponi antigenici” (post della pagina Facebook della Regione del 16 novembre, ore 21.31). Ieri, però, un altro post per chiarire: “Lo screening viene effettuato con test antigenici. Non si tratta quindi di tamponi molecolari”. Già lunedì sera in realtà era state mosse delle critiche. Non era passato in secondo piano il fatto che i test fossero su base volontaria e non obbligatori.

++ COMUNICATO STAMPA ++
COVID-19, SCREENING-SCUOLA: PRENOTAZIONE TAMPONE ANTIGENICO
(a cura dell’Unità di…

Pubblicato da Regione Campania su Lunedì 16 novembre 2020

 

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Sanità Calabria, Gino Strada non è disponibile a fare il commissario

Campania, prenotazione test anti-Covid: la Regione chiarisce

Bianca De Fazio, l’autrice dell’articolo di Repubblica – Napoli, racconta che per tutto il pomeriggio di ieri, per venti volte, ha provato a telefonare al numero verde ma senza successo. L’orario di servizio è dalle 7.30 alle 19.30 e qualcuno a provato fin dal primi minuti ma anche in quel caso inutilmente.

Così la Regione ha chiarito che c’è stato un alto numero di telefonate e che il test è gratuito, su base volontaria e che non si tratta di un tampone molecolare. Chiarimento in realtà che non fa completamente luca perché non spiega per quale motivo prima si era parlato di tampone.

Sui social qualcuno scrive che è riuscito a parlare con l’operatore del numero verde ma a pare proprio che la stragrande maggioranza sia rimasta inutilmente con il telefono in mano. Tutto ciò avviene a meno di una settimana dalle riaperture.

COVID-19, CHIARIMENTO SU SCREENING SCUOLA

In considerazione dell’elevato numero di richieste pervenute al numero verde…

Pubblicato da Regione Campania su Martedì 17 novembre 2020

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Contributi fondo perduto centri storici: da quando fare la domanda