Luca Toni, rapina in casa al campione: “Sono stati brutti momenti”

Rapina in casa del campione del mondo Luca Toni. L’ex attaccante azzurro racconta gli attimi di paura vissuti con la famiglia.

Luca Toni rapina
Il campione racconta il terribile episodio (Getty Images)

Brutto episodio di cronaca per il campione del mondo Luca Toni, vittima di una rapina nella propria casa. L’ex centravanti della nazionale italiana, infatti ha raccontato quegli attimi di paura, quando una banda composta da quattro persone è entrata nella sua casa di Montale, in provincia di Modena.

Ma non solo, gli aggressori sono entrati armati seminando il panico in casa Toni. I malviventi, armati di pistola hanno intimidato Toni ed i suoi figli a consegnare denaro e valori. L’ex attaccante ha affermato di aver vissuto dei brutti momenti. La testimonianza è arrivata tramite il profilo Instagram dell’ex bomber. Andiamo quindi a vedere quanto riportato da Toni attraverso i suoi social.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Federica Pellegrini: “Coronavirus? Non ho violato l’isolamento, avevo il permesso dell’ASL”

Luca Toni, rapina nella sua casa di Modena: il post su Instagram

Luca Toni Rapina
Il post di Luca Toni sul proprio profilo Instagram (Screenshot)

Da giorni trapelava la notizia di una nuova rapina in casa Luca Toni. A confermare il tutto ci ha pensato l’ex bomber del Bayern Monaco che ha affermato: “Siccome sta circolando la notizia, volevo comunicare che giovedì sera tra le 19.30 e le 21.30 ho subito una rapina in casa da parte di tre malviventi che indossavano passamontagna e armi“.

Luca Toni, poi, ci ha tenuto a tranquillizzare tutti i suoi supporter, affermando che la cosa più importante è che la famiglia stia bene, nonostante il bel trauma ed il forte spavento. L’attaccante si è detto dispiaciuto che i malviventi gli abbiano portato via beni preziosi ma soprattutto affettivi.

Subito dopo la rapina, le forze dell’ordine sono giunte sul posto. Ad avvertirle ci hanno pensato i vicini di casa, insospettiti da una macchina in continuo movimento lungo la via. L’attaccante ha concluso affermando che la vigilanza non si è accorta di nulla e che al momento chiede solamente privacy per rispetto della famiglia.

Ma questa non è la prima volta che l’attaccante subisce una rapina del genere. Infatti nel lontano 2008, dei malviventi entrarono in casa, portandogli via una maglia della Nazionale, ma lasciandogli la scarpa d’oro vinta durante la stagione 2005-06 (grazie ai 31 goal con la maglia della Fiorentina) e la medaglia d’oro dei Mondiali 2006.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Elettra Lamborghini: “Buonissimo, profumo di maschio sudato”

L.P.

Per altre notizie di Sport, CLICCA QUI !