È morto John Barrow, l’astrofisico studioso del concetto di infinito

È morto John Barrow, astrofisico, matematico e cosmologo si è spento nella sua casa a Cambridge a 67 a causa di un tumore

John Barrow
Foto Twitter Rai Radio 3

L’origine dell’universo, il concetto di infinito, la teoria del tutto; in questi e in tanti altri argomenti non proprio alla portata di tutti John Barrow era un esperto. Anzi, è stato un influente studioso. Una grande perdita per la comunità scientifica mondiale dopo la sua morte avvenuta ieri sera.

La notizia è stata data da un suo collega, il docente universitario Martin Rees, professore emerito di Astronomia a Cambridge e Astronomo Reale. Meno di un anno fa aveva ricevuto una prestigiosa nomina da Papa Francesco.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus, Ricciardi: “Campania e Lazio sono a rischio lockdown”

H2

Era nel febbraio scorso quando Francesco nominò Barrow membro ordinario della Pontificia Accademia delle Scienze. Noto in tutto il mondo per i suoi studi, divenne famoso dopo la pubblicazione di un libro che creò dibattito soprattutto nel mondo accademico-scientifico.

Adelphi in Italia pubblicò nel 2002 Il principio antropico scritto con Frank J. Tipler già nel 1986 discutendo del problema della posizione dell’uomo dell’universo e dando un grande contributo al dibattito mondiale sul tema.

Sono innumerevoli i premi vinti dal professore in ambito accademico o da parte di enti pubblici. Ha scritto circa venti libri venduti in tutti in mondo e tradotti in ventinove lingue.

Cominciò la sua carriera da docente universitario presso la Oxford University e alla California University di Berkeley nel 1977 anno in cui conseguì il Dottorato di ricerca. Si trasferì in Inghilterra, a Sussex nel 1981 e vi rimase fino al 1999 prima di approdare a Cambridge.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus, chiusa una scuola a Napoli: studente in aula con i sintomi