Juve, si infiamma il calciomercato: Dzeko nel mirino. La situazione

Il calciomercato della Juventus potrebbe infiammarsi nelle prossime ore: la pista Dzeko è molto calda perché Milik è vicinissimo alla Roma.

Stando a quanto riferisce la redazione di Calciomercato.it, in serata si è infiammato il calciomercato di tre big della Serie A. Un triangolo inatteso tra Juve, Roma e Napoli. In campo acerrime rivali, ma potrebbero presto chiudere un accordo che darebbe il via ad un piccolo valzer di attaccanti.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Calciomercato Napoli, cessione vicinissima: via un Big!

Calciomercato Juventus, si infiamma la pista Dzeko: dipende da Milik

Calciomercato Juventus
Arek Milik (Getty Images)

La Juve punta Edin Dzeko e lo mette nel mirino, ma tutto dipende da Milik. Il vecchio pallino dei bianconeri, infatti, potrebbe presto vestire la maglia della Roma. Il centravanti polacco, a quel punto, rimpiazzerebbe il bosniaco che potrebbe accasarsi a Torino. Molti i condizionali in questo triangolo davvero intrigante di mercato.

I continui i contatti fra Roma e Napoli, però, fanno pensare ad una chiusura imminente dell’affare Milik. Secondo quanto riferisce la radio ufficiale della società partenopea, Radio Kiss Kiss Napoli, l’accordo tra i due club non è mai stato così vicino. Si parla di 30 milioni complessivi, di cui 25 fissi e cinque legati ai bonus. Si tratterebbe di uno dei più grandi rimpianti dell’era De Laurentiis. Il polacco, infatti, avrebbe dovuto far dimenticare Higuain ai tifosi partenopei. L’esplosione di Mertens e la doppia e sfortunata rottura del crociato non gli hanno permesso di dimostrare il proprio valore.

Nelle ultime ore, però, Sky ha riportato l’interesse di un club straniero per il polacco. Qualora decidesse di voler lasciare l’Italia, infatti, ha un posto dove lo accoglierebbero a braccia aperte. Spunta la pista Newcastle in Premier League. La società cerca un centravanti e non avrebbe problemi a soddisfare le richieste economiche di De Laurentiis. Al momento, però, non c’è alcuna mossa concreta dall’Inghilterra.

LEGGI ANCHE >>> Coronavirus, Aurelio De Laurentiis denunciato dal Codacons