OMS fa dietrofront: “No al saluto con il gomito, niente distanza di sicurezza”

Il saluto con il gomito è diventato la nuova stretta di mano negli ultimi mesi. Adesso l’OMS fa marcia indietro: “Non c’è distanza di sicurezza”.

Per impedire la diffusione dell’epidemia da coronavirus, la autorità sanitarie hanno sconsigliato qualsiasi contatto ravvicinato. Per questo motivo si era ideato una nuova forma di saluto, adottata anche in circostanze ufficiali da politici, capi di stato e personalità di spicco di tutto il mondo: il saluto con il gomito. L’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità), attraverso il direttore Tedros Adhanom Ghebreyesus, ha invitato a non utilizzare questa “nuova” pratica. Il motivo è presto detto: avvicinarsi fino a toccare il gomito dell’altra persona porta a non rispettare le distanze minime di sicurezza.

LEGGI ANCHE –> CORONAVIRUS, IL BOLLETTINO DI OGGI 14 SETTEMBRE

OMS: “No al saluto con il gomito, mettiamo la mano sul cuore”

OMS: No al saluto con il gomito
Giuseppe Conte e Angela Merkel (Getty Images)

Questo era stato anche il saluto scelto dal Primo Ministro italiano Giuseppe Conte e quello tedesco Angela Merkel in occasione della riunione del Consiglio Europeo a Brussels a fine luglio. Un saluto, quello con il gomito, divenuto presto abitudine. Un’abitudine che rischia di divenire dannosa, piuttosto è consigliabile mettere una mano sul cuore. Questo il messaggio dell’OMS, che definisce infatti la mano sul cuore come il modo più bello per salutare amici e colleghi dimostrando vicinanza in questo momento della storia così difficile. Vicinanza, ma anche prudenza per evitare qualsiasi rischio di contagio.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> OMS IN ALLARME: “IN AUTUNNO AUMENTO DEI MORTI”

Di seguito il tweet pubblicato dall’economista Diana Ortega e condiviso proprio dal direttore dell’OMS. “Il Direttore dell’OMS Ghebreyesus rifiuta questo saluto perché la distanza di sicurezza non viene mantenuta. Il virus può essere trasmesso attraverso la pelle” ricorda la donna.