Caivano, 15enne guida scooter senza patente e uccide una donna

Un tentato scippo finito in tragedia: è questa una delle ipotesi al vaglio degli inquirenti che stanno indagando sulla morte di Susanna Pagano, 72 anni, travolta da uno scooter in via Lanna a Caivano. Nell’incidente, avvenuto domenica sera, è rimasto ferito anche un ragazzo di 15 anni che era alla guida del mezzo a due ruote: il giovane è attualmente ricoverato in ospedale e dovrà essere sottoposto a un intervento chirurgico a causa delle gravi fratture riportate al volto.

Secondo una prima ricostruzione fatta dai carabinieri lo scooter viaggiava a forte velocità quando ha travolto e ucciso la donna mentre attraversava la strada: il ragazzo sarebbe privo di patente e non avrebbe potuto essere alla guida della moto. Lo scooter, un Piaggio Liberty 150 di cilindrata, intestato alla madre, può essere guidato, infatti, solo da maggiorenni in possesso di patente A.

Attualmente le indagini si concentrano sulla dinamica dello scontro e partono da una telefonata arrivata al 112 che denunciava uno scippo: proprio per questo l’ipotesi più probabile al momento è quello di un tentativo di furto finito in tragedia, anche se non c’è nessun testimone che possa testimoniare sull’accaduto.

Il ragazzo sarebbe figlio di un pregiudicato, al momento agli arresti domiciliari per spaccio di sostanze stupefacenti: da quanto risulta il 15enne non ha mai avuto problemi con la giustizia. Attualmente il giovane è piantonato nell’ospedale di Frattamaggiore ed è accusato di omicidio colposo: per lui potrebbe essere disposto a breve il trasferimento in un’altra struttura sanitaria per sottoporlo all’operazione di cui necessita per le fratture riportate al viso.