Inizia la scuola a Scampia e Pisani chiede l’intervneto delle istituzioni

Com’è iniziare la scuola dove si sta consumando una faida? Per i ragazzi di Scampia la campanella è suonata un giorno prima e ieri si sono già ritrovati sui banchi di scuola. Nessun clima di paura e nessuna assenza strana.

A Scampia e anche nella strada di fronte alle vele della camorra dove e’ ubicato il complesso scolastico Virgilio IV, alcune nostre scuole hanno gia’ aperto senza registrare strane assenze o nessun clima di paura”, ha spiegato Angelo Pisani presidente dell’Ottava Municipalità che a gran voce sta chiedendo l’intervento delle istituzioni per proteggere chi, in quel territorio, vuole vivere onestamente.

Oggi, infatti, è previsto un incontro tra Pisani e il primo cittadino Luigi De Magistris per chiedere risposte. Pisani si è detto pronto ad iniziare lo sciopero della fame per combattere il disinteresse delle istituzioni, inglobando Comune, Provincia e Regione.

Dal punto di vista dell’istruzione, nel quartiere di Scampia, Pisani richiama gli amministratori per investire nelle strutture scolastiche. ‘Proprio nello stesso quartiere di Scampia – ha dichiarato in una nota – si registra ancora il disinteresse e l’assenza dell’amministrazione comunale che non s’impegna e non investe risorse per la manutenzione ed agibilita’ degli impianti scolastici e delle  scuole con il pericolo di non poter riaprire tutte le scuole e sfruttare tutte le potenzialita’ del territorio”. Come ”nel caso della scuola materna 17 circolo comunale di Via Labriola che non sara’ disponibile per l’inizio dell’anno scolastico con delusione di centinaia di famiglie e della Municipalita’ che vede svanire nel vuoto i suoi appelli di legalita’ e cultura”.

De Magistris per fronteggiare l’emergenza ha parlato di rafforzare le forze dell’ordine, con un piano strategico almeno della durata di sei mesi per rafforzare i presidi di sicurezza in città.