Rc Auto, a Napoli record di evasori e assicurazioni fantasma

Il 7% degli autoveicoli che circolano in Italia sono senza Rc Auto: tre milioni e mezzo delle auto presenti sul territorio nazionale non hanno copertura assicurativa e di questi bene 800mila sono tra Napoli e provincia. Il capoluogo partenopeo domina, infatti, la speciale classifica degli automobilisti che evadono la tariffa assicurativa: almeno stando al dossier presentano dall’Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private (Isvap), Napoli detiene il record di evasione della Rc Auto, toccando una cifra pari al quarto del totale nazionale.

La città ha anche un altro record, quello dei sinistri: sempre secondo i dati Isvap sono 14mila le persone coinvolte in incidenti stradali che sono state risarcite nel 2010 tramite il fondo garanzia per le vittime della strada e ben il 40% dei sinistri si sono verificati nella provincia di Napoli.

Dati che possono essere in parte giustificati con il perdurare della discriminazione portata avanti dalle compagnie assicurative nei confronti dei cittadini napoletani, costretti a pagare tariffe tre volte più alte rispetto a quelle in vigore nel resto d’Italia, e con il crescere della crisi economica. Soprattutto sul primo punto battono le associazioni dei consumatori che chiedono interventi che in realtà tardano ad arrivare, nonostante l’impegno del Comune di Napoli con il varo della Rca Napoli Virtuosa. Tornando al dossier Isvap, un altro dato preoccupante che emerge è il crescere delle compagnie assicurative fantasma: in Italia ce ne sono diverse, soprattutto nelle grandi città. È proprio questo fenomeno che porta alla diffusione di tagliandi Rc Auto contraffatti o originariamente falsi consegnati ad automobilisti ignari dell’irregolarità della loro polizza assicurativa.