Castellammare, donna incinta muore in corsia

Un’altra donna incinta muore per un presunto caso di malasanità. Questa volta il caso è accaduto a Castellammare di Stabia, all’ospedale San Leonardo, dove Maria Guida, 32 anni, all’ottavo mese di gravidanza, è morta in seguito alle complicazioni di una malattia rara denominata eclampsia gravidica. I medici sono comunque riusciti a fare nascere la bambina con un parto cesario operando d’urgenza la madre. Ora la piccola si trova presso Villa Betania a Ponticelli, ma le sue condizioni sono decisamente molto critiche. In seguito al nefasto evento, la famiglia della donna ha sporto denuncia presso le autorità locali accusando l’ospedale di mancata prontezza e risoluzione della situazione medica della Guida. “La donna è giunta in ospedale con una pressione molto alta, dovuta all‘eclampsia gravidica da cui era affetta e da una condizione di obesità che aggravava il caso – tenta di spiegare il direttore della Struttura complessa di anestesia e rianimazione dell’ ospedale San Leonardo, Aniello De Nicola – La paziente è deceduta nel reparto di ginecologia, nonostante le manovre di rianimazione, con un massaggio cardiaco prolungato e ossigeno ad alto flusso. Le manovre del rianimatore sono state protratte per oltre mezz’ora anche dopo il decesso, per consentire all’equipe chirurgica di eseguire il parto cesareo che ha salvato la vita alla bambina”.

Intanto le cartelle cliniche sono state poste sotto sequestro e nei prossimi giorni l’autopsia cercherà di far luce sulle cause reali del decesso. Questo caso di presunta malasanità arriva subito dopo un altro terribile evento, dove ha trovato la morte una giovane donna di Scafati, anche lei incinta e all’ottavo mese di gravidanza, che è deceduta a causa di complicazioni respiratorie in seguito ad un banale intervento di routine per eliminare un ascesso. In questo caso, però, per i due gemellini portati in grembo dalla donna non c’è stato niente da fare.