Posillipo, droga a domicilio: medici e professionisti tra i clienti

posillipo Prosegue l’inchiesta relativa allo spaccio di droga a domicilio nelle zone della Napoli bene. Posillipo, Vomero, Chiaia, imprenditori e professionisti ricevevano cocaina direttamente nella propria villa. Se l’inchiesta è iniziata mesi fa con l’arresto e i domiciliari per i pusher, stavolta si prosegue con l’identificazione di coloro che usufruivano delle sostanze stupefacenti smerciate. Sono state intercettate, infatti, alcune conversazioni tra cliente e spacciatore, chiacchierate e ordinazioni di dosi dalle quali si evince il target tipo della vendita a domicilio: commercianti, medici, professionisti fiscali, imprenditori, ma anche studentesse, ordinano cocaina per le occasioni più disparate, dalle cene al puro svago o per risolvere in modo drastico le piccole scocciature quotidiane.

Trentaquattro i nomi segnalati, professionisti che potrebbero andare incontro a sorti di varia natura, dalla sospensione pro tempore dall’albo di appartenenza, a sanzioni amministrative, sospensione della patente, verifiche sul passaporto. Ad occuparsi del caso, i pm della Dda di Napoli, Sergio Amato e Michele Del Prete. Sono stati ascoltati due collaboratori di giustizia ex affiliati clan dei Quartieri Spagnoli, da cui sembra si sia saputo tutto, o quasi, sullo smercio di droga a domicilio, ma le scoperte non finiscono qui.

In quanto associazione di commercio ben organizzata, è stato ritrovato anche un registro dello spaccio con varie annotazioni, tra cui nomi di clienti e relativa spesa. Il prezzo della dose rispetto alla vendita avvenuta a Scampia o in qualsiasi altro luogo abituale di spaccio lievitava di una trentina di euro, proprio a causa dello speciale trattamento riservato a imprenditori e professionisti.

cocaina

Non proprio festini vip, bensì happening e occasioni varie di ritrovo, con nomi più o meno conosciuti nel giro che conta, grandi acquirenti di cocaina da consumare tra pochi intimi. Finora i nomi intercettati sono 34, ma si cerca di identificare altri clienti abituali, tra i quali potrebbero figurare ancora studenti, studentesse, modelle e ragazze immagine.