Donne 2.0 al Mumble Rumble: il primo incontro per le “ossessionate” del web

Stasera al Mumble Rumble si terrà un incontro interamente dedicato a tutte le donne 2.0: ovvero le diversamente ossessionate dalla tecnologia e le innamorate del web. Donne che usano il computer per cercare il partner ideale, per poi ritrovarsi a vivere “relazioni portatili” e che in borsa custodiscono penne usb a rimpiazzare la trousse, ragazze che al principe azzurro preferiscono le chat del futuro; insomma, veterane della vita domestica che attraverso il pc scoprono nuovi orizzonti, sono chiamate a raccolta per il primo incontro in Campania firmato Girl Geek Dinners.

L’appuntamento è stato realizzato sulla base del format ideato da Sarah Blow, fondatrice delle Ggd a Londra, che ha girato il mondo promuovendo l’ interazione tra le appassionate di hi-tech, internet e new media grazie ad incontri e cene periodiche. Francesca Ferrara, giornalista e blogger, spiega che attraverso generalmente quattro inconri l’anno, rigorosamente non a scopo di lucro, si riesce a vivere un momento di social networking declinato al femminile, scambiandosi contatti e consigli utili: insomma, una festa “orizzontale” per professioniste della comunicazione, semplici curiose o web dipendenti.

Napoli apre le sue porte alle “donne 2.0” con un tema intigante:  “Le donne e le loro storie su internet“, che sarà trattato attraverso un duplice contest: narrativo e fotografico. La rete, infatti, grazie alle pagine di oltre cento tag su piattaforma social network, proporrà una raccolta di riflessioni della web community su singole parole chiave; inoltre, le Ggd campane hanno deciso di condividere le loro testimonianze, esperienze e “amori virtuali”, attraverso un libricino in distribuzione durante la serata.

Raffaella Ferré, scrittrice, sarà madrina dell’evento accanto alla blogger Giada Divisato, che racconta il suo rapporto con la rete che, cominciato tempo fa,  quando ancora il rincuorante rumore di un modem 56k, insieme ad una colonna sonora, le facevano compagnia durante le tante notti insonni. E sul blog, un giorno, arrivò la proposta di un editore: da allora il suo vecchio modem 56k è stato rimpiazzato da un adsl a singhiozzo, ma il blog “santaprecaria.com” è ancora lì, vivo e “visitato” dai suoi affezionatissimi lettori.

La cinquantenne Ketti Martino racconta della sua attività su internet che spazia dalla prenotazione delle vacanze all’ acquisto di voli e libri, fino al controllo dei risparmi su internet. Si ritiene una donna che avrebbe riso, dieci anni fa, se le avessero detto che un giorno avrebbe saputo “navigare”.

Ecco alcuni racconti che accompagnano le immagini in mostra. Durante la competizione targata Ggd, in palio ci saranno anche macchine fotografiche e corsi formativi.

I filmati realizzati per “Techlovers” faranno da sfondo a storie di felicità ed infelicità tecnologica, grazie ai video di Giulia Cennamo, travolta da ironiche “Difficoltà di connessione” in un paesino del Cilento, oggettivamente ribattezzato “Altavillatraz” per la sua incapacità di digerire l’ avvento dell’ adsl, e di Livia Iacolare, social media coordinator di Current Tv, sorpresa nei suoi tentativi di aggiornare la nonna su cosa voglia dire “professione 2.0”.

L’ incontro si terrà questa sera 11 marzo alle ore 19, presso il Mumble Rumble, via Bonito 19/b, ingresso libero su prenotazione entro le ore 13 su www.girlgeekdinnerscampania.com

infoline: 338 4156 856.