Muore Mario Condorelli, illustre della medicina del Sud


È morto a 78 anni il professore Mario Condorelli, figura di punta del mondo della medicina, a Napoli e in tutto il meridione.

Direttore dell’istituto Universitario presso la II facoltà di Medicina della Federico II, era punto di riferimento nel campo scientifico a Napoli e in tutto il meridione, specializzato nello studio delle malattie cardiovascolari.

Le centinaia di allievi formati presso il suo istituto avevano ottenuto riconoscimenti internazionali, diventando primari e cattedratici.

Molti i premi vinti nel campo scientifico, ma si ricorda anche il titolo di Cavaliere di Gran Croce della Repubblica.

seconda università medicina

Il professor Mario Condorelli si spegne all’età di 78 anni lasciando le figlie Celeste e Momina, rispettivamente amministratore delegato della Clinica Mediterranea e professore alla Federico II, e il figlio Gianluigi, professore all’università di Milano, Bicocca, e presso la Universitiy of California San Diego, oltre che direttore del dipartimento di Medicina del consiglio nazionale delle ricerche.

All’inizio degli anni Ottanta, Condorelli intraprese una carriera politica che lo vide senatore eletto nella fila di Democrazia cristiana.

Messaggio di cordoglio anche dal Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, che ne loda “la dedizione alla causa del progresso della medicina e dell’organizzazione sanitaria, la sua qualificata e sobria partecipazione alla vita pubblica, il suo alto senso della democrazia e del bene comune, che gli avevano procurato il generale apprezzamento e rispetto e meritano oggi il più ampio e condiviso omaggio”. “Vorrei dare anche personale testimonianza della sua eccezionale nobiltà d’animo”, conclude, “gentilezza e generosità, del suo amore e impegno per Napoli, e nel ricordo dell’amicizia che ha legato me e mia moglie a lui e alla sua compianta consorte, oltre che esprimere ai famigliari le più sincere e accorate condoglianze”.

Oggi, presso la clinica Mediterranea, è stata allestita la camera ardente, mentre le esequie si svolgeranno domani mattina alle 11 alla basilica di San Francesco di Paola.