rione traiano droga Ancora spaccio al rione Traiano: ben sei arresti tra ieri sera e questa mattina. Il caso più eclatante riguarda quello avvenuto sorprendendo una ragazza di 21 anni, Valentina Tranchese, intenta a spacciare cocaina in una delle piazze del rione in compagnia della cuginetta minorenne. La cugina maggiore è finita in galera insieme a suo padre, Gennaro, 48 anni, e a suo fratello, Carlo, 20 anni, che si erano opposti con violenza a una perquisizione, mentre la minorenne è stata denunciata. Questa mattina, sempre nelle piazze di spaccio particolarmente popolate in prossimità delle vacanze pasquali, tre uomini provenienti dalla provincia dell’Aquila, R. R. di 36 anni, F. L. di 41 anni, e A. D. B. di 24 anni, sono stati arrestati per detenzione ai fini di spaccio di cocaina. In entrambi i casi le piazze di spaccio sono ormai diventati luoghi monitorati in modo quasi professionale: gli spacciatori non hanno esitato ad installare un po’ ovunque microcamere e attrezzature varie per prevenire controlli tempestosi, o implementazione di porte blindate e grate per ritardare l’arrivo della polizia. Completano il kit di monitoraggio del palazzo e della piazza un televisore lcd da 32 pollici, un telecomando e una centralina di smistamento per le immagini.

Nel caso dei Tranchese, la perquisizione è avvenuta nel palazzo in cui risiedono: erano stati trovati 15 grammi di cocaina, materiale per il taglio e il confezionamento della droga e 520 euro provenienti, si pensa, proprio dallo spaccio. I tentativi di ritardare i controlli a poco sono valsi, in vista della perquisizione, cui l’intera famiglia si opponeva con fermezza e violenza. Arrestati, i tre sono in attesa di essere giudicati per rito direttissimo.

cocaina

Diversamente, i tre spacciatori aquilani erano stati notati mentre si allontanavano dal rione Traiano a velocità elevata a bordo di una Opel Corsa. Scattato l’inseguimento, i tre spacciatori si dirigevano verso una rampa della tangenziale prima di gettare dal finestrino un involucro contenente 50 grammi di cocaina. A nulla è valso il lancio della droga, né la fuga: sono stati raggiunti e arrestati.