Polizia municipale, Protezione Civile e Vigili del Fuoco hanno lavorato duramente per tutta la notte per gestire le conseguenze del maltempo che nelle ultime ore ha investito tutto il Napoletano, con raffiche di vento e pioggia che hanno raggiunto i 70 km/h.

Detriti di ogni genere intasano le strade dei comuni dell’area vesuviana, e diverse le situazioni di disagio tuttora in corso, come ad esempio le strade interrotte al traffico. Si segnalano le zone di Montagna Spaccata, strada che collega il comune di Quarto con Napoli dove si è previsto un percorso alternativo. Per molte ore alberi caduti hanno ostruito l’accesso in via Pietravalle che permette di raggiungere l’ospedale Cardarelli. A Chiaia, in viale Maria Cristina di Savoia un’impalcatura è crollata sopra cinque macchine.

Interrotti i collegamenti veloci da Napoli a Capri, oggi viaggiano solo i traghetti. Sull’isola una lunga notte di lavoro ha tenuti impegnati i vigili del fuoco e tecnici a causa dell’ondata di maltempo. Alberi secolari abbattuti e spezzati dalle raffiche di vento e tettoie divelte. Alcune zone sono rimaste a lungo senza corrente, salvo poi essere ripristinata dagli operai dell’azienda elettrica Sippic.

Sono stati tratti in salvo dei quadri esposti in una galleria d’arte in piazza Municipio dopo che forti raffiche di vento ne avevano divelto le vetrine. Gli agenti della polizia municipale di Napoli hanno tratto in salvo le tele, tra cui ritratti artistici di Massimo Troisi e Pino Daniele, trasferendoli nella vicina sede del Municipio di Palazzo San Giacomo.

Sulla statale Appia, in territorio di Sessa Aurunca, marito e moglie di 60 anni, Carmine Simeone e Ilva de Biasio, originari di Calvi Risorta, sono morti a seguito dell’incidente provocato proprio dalla presenza di un albero caduto sulla carreggiata. Si dirigevano in direzione Caserta a bordo di una Volvo. Solo all’ultimo istante si sono accorti dell’ostacolo, a causa della poca visibilità, e per i due non c’è stato scampo.