Gianni Lettieri va all’attacco del sindaco de Magistris: il capo dell’opposizione a Palazzo San Giacomo lancia una dura invettiva contro il primo cittadino. In una nota, lo sfidante dell’ex magistrato nelle ultime elezioni amministrative usa parole al veleno: “De Magistris ha svuotato il consiglio comunale delle sue prerogative – l’affondo di Lettieri -, ritenendolo un organo consultivo non obbligatorio”.

Il capo dell’opposizione in consiglio comunale rinfaccia al sindaco le assenze in aula: “Consiglierei – continua nella sua nota Lettieri – di non addentrarsi nel tema presenze/assenze in consiglio poiché verrebbe fuori, per la prima volta, un sindaco che diserta numerose sedute, spesso su argomenti di estremo interesse per la città. Anche su questo è riuscito a fare peggio della Iervolino che aveva rispetto istituzionale per il consiglio comunale, al quale prendeva parte costantemente, ascoltando ed interagendo con i consiglieri.”

“Oggi – prosegue ancora Lettieri – solo perché in difficoltà parla di dialogo, ma è lui a non aver mai preso in considerazione le nostre proposte per la città fatte in consiglio. Se vuole cominciare a dialogare, è lui a dover far i compiti arretrati e a dare risposte“.

La risposta de Magistris la dà a stretto giro di posta, ma non è certo quella attesa dal capo dell’opposizione: “Lettieri non riesce ad accettare che ha perso le elezioni, faccia un’opposizione seria visto che non viene mai in Consiglio. È comprensibile l’astio che nutre, ma si rassegni: le elezioni le ha perse. Noi abbiamo salvato la città tra mille difficoltà e adesso Napoli è una città viva. Noi andiamo avanti”.