Ha compiuto 60 anni il 19 Aprile ed è una delle donne partenopee che hanno avuto l’onore di conoscere Eduardo e di fare la tv dei grandi tempi, quella che emozionava e che faceva la storia. Parliamo di Marisa Laurito, che è impegnata fino al 24 Maggio nel suo spettacolo teatrale “Show! Tutti insieme abbondantemente”. Lo spettacolo sarà infatti il 4 Maggio al Teatro Sistina di Roma: la Laurito ha deciso di riproporlo dopo il grande successo riscosso l’anno scorso in tutta Italia, e che approdò a Napoli presso il Teatro Cilea. Non si esclude però il ritorno al Napoli dal momento che il calendario dell’attrice partenopea è in costante aggiornamento. E’ questo tour teatrale il suo regalo di compleanno, perchè lei ha molto da festeggiare: gli anni passano ma la sua soddisfazione più grande è quella di mantenere sempre il suo animo giovane e giocoso, secondo un tempo diverso che non corrisponde a quello esteriore, ma che si rivela essere soprattutto interiore. Eccola quindi che balla, canta (dalla canzone italiana a quella napoletana) e si esibisce con la passione e la giocosità che ne ha sempre fatto una signora dello spettacolo.

La sua carriera è partita dal teatro, quello del grande Eduardo e poi ci sono stati i grandi incontri che l’hanno portata anche in tv, ma quella vera, dei sentimenti, perchè come dice lei:” Ora la tv è trash, volgare, suscita solo sentimentalismi ma non sentimenti”. Con Renzo Arbore la Laurito ha condotto diversi programmi, da “Quelli della notte” a “Marisa la nuit”, per poi arrivare al recente “Meno siamo, meglio stiamo”. In tv, tuttavia, non si è limitata agli spettacoli di Arbore che l’hanno resa una one-woman show, ma la ricordiamo in “Fantastico 8”, al fianco di Adriano Celentano, e in “Domenica In”, che era sulla scia del successo.

Anche come attrice la Laurito è stata impegnata: nel 1991 è al fianco dello spagnolo Antonio Banderas in “Terre nuove”. Ma il grande amore è stato e sarà sempre il teatro, che le permette di esprimere le sue potenzialità attraverso spettacoli artistici che la vedono come artista poliedrica che sa alternare il varietà all’arte sapiente della canzone.

Il sogno? E’ inutile che glielo chiediate: semplicemente continuare a fare bene il suo lavoro, perchè i tempi sono duri anche per chi fa spettacolo da tanto tempo, ma la nostra Marisa non molla.