Tempo scaduto: per il Forum delle Culture a Napoli ormai non c’è più spazio. È il consulente del Comune Andres Neumann, che poche settimane fa ha ricevuto l’incarico dall’assessore alla Cultura Nino Daniele, ad auspicare l’annullamento della rassegna internazionale.

Dopo mesi di polemiche, annunci e dietrofront, con investimenti economici che sono passati dagli iniziali 250 milioni di euro agli attuali 16, il Forum delle Culture non può essere quello pensato da chi ha deciso di portarlo a Napoli. Nulla a che vedere con la rassegna di Barcellona, ma soltanto un fallimento dietro l’altro: così Andres Neuman ne consiglia l’annullamento, dopo aver rinunciato all’incarico di direttore artistico.

Il mio consiglio personale è di cancellare il Forum delle culture – le parole del consulente -. Ho avuto modo di constatare che non ci sono possibilità: come tecnico reputo irrealistico che qualcosa possa accadere in due settimane. Se la burocrazia europea è diabolica, quella italiana lo è ancora di più e a Napoli succede di peggio”:

“Da una mia valutazione personale – la conclusione di Neuman – , consiglio alla città di cancellare il Forum e dedicare il suo impegno a obiettivi meno effimeri”. Si arricchisce di un nuovo capitolo quindi la telenovela sulla manifestazione internazionale: una puntata che segue le dichiarazioni del governatore Caldoro, secondo cui sarebbe stato utile cambiare il nome al Forum per “rimarcare la differenza” con le precedenti edizioni.

Ieri Caldoro, oggi Neuman e la certezza è una sola: Napoli ha perso un’altra occasione di rilancio, l’ennesima possibilità di provare a tirare fuori il meglio di una città dove ormai le speranze di rinascita sono sempre più sommerse da una valanga di fallimenti.