Martedì 14 giugno si celebrerà la “Giornata mondiale del donatore di sangue”, un’occasione per ringraziare i donatori abituali e per informare la popolazione sulle modalità e sull’importanza di dare il proprio contributo affinché i donatori diventino sempre di più. Moltissime le iniziative che avranno luogo su tutto il territorio nazionale: a Napoli, nelle principali piazze, saranno predisposti punti informativi e centri di raccolta. Per donare il sangue basta davvero poco: è sufficiente godere di buona salute fisica, avere un peso corporeo superiore ai 50 kg ed avere un’età compresa tra i 18 e i 65 anni. La donazione può essere effettuata in tutta sicurezza presso i principali ospedali. Centri abilitati sono: il SIT (Servizio di Immunoematologia e di Medicina Trasfusionale) del Pausilipon che accoglie i donatori tutti i giorni, tranne la domenica, dalle ore 8.00 alle ore 10.30; l’ospedale Cardarelli che riceve i donatori dalle ore 8.30 alle ore 12.30 nel padiglione E – piano 0; il centro di medicina trasfusionale, sito al secondo piano dell’ospedale Monaldi, durante i giorni feriali dalle ore 7.30 alle ore 12.00.

È importante donare nelle strutture pubbliche abilitate, visto che le associazioni ONLUS ottengono i cosiddetti “rimborsi spese” vendendo a caro prezzo le sacche di sangue raccolte agli ospedali. Per evitare questo assurda compravendita, quindi, basta che i cittadini napoletani si rechino in una delle tre strutture su citate.

Niente paura! Donare il sangue è un gioco da ragazzi! Bastano appena una decina di minuti ed il sangue prelevato si riforma nell’arco di 2/4 giorni. I lavoratori dipendenti che vogliono diventare donatori, avranno diritto ad una giornata di riposo che sarà normalmente retribuita, ai sensi della legge del 4 maggio 1990. Prima che il prelievo venga effettuato, un medico si accerterà delle condizioni cliniche del donatore, a garanzia della bontà del sangue donato e della salute del volontario, onde evitare di comprometterla nel caso in cui siano presenti patologie che il prelievo potrebbe aggravare. Per questo al donatore sarà effettuate gratuitamente le analisi del sangue che gli saranno in seguito consegnate.

 

Mentre le donne possono donare 2 volte l’anno, gli uomini possono dare il proprio contributo fino a 4 volte l’anno. Donare il sangue è un dovere civico cui tutti dovrebbero assolvere. Domani radio Deejay insieme al trio medusa darà vita all’evento “One nation, one donation” per sostenere la donazione.