Home Blog

Street food, arriva il brevetto dell’Apecar con forno a legna: è napoletano

Il mezzo di trasporto a tre ruote dotato di forno a legna tradizionale diventa brevetto e “parla” napoletano. A decretarlo è il Ministero dello Sviluppo Economico che ha riconosciuto l’invenzione industriale all’imprenditore partenopeo Giovanni Kahn della Corte titolare del brand Johnny Take Uè. Un risultato che arriva dopo anni di attesa e giunge sulla scia dell’importante riconoscimento dell’arte del pizzaiuolo napoletano come patrimonio dell’Unesco.

«Il Brevetto di Invenzione industriale è un riconoscimento importante – così Giovanni Kahn della Corte – che premia anni di ricerca e studio, nonché di investimenti continui in materia di Street Food evoluto ed in continuo aggiornamento».

IL PROGETTO. Johnny Take Uè nato nel 2012, quando Kahn Della Corte ebbe l’idea di collocare un forno a legna, in materiale refrattario e piano in biscotto di Sorrento, su di un Ape Car Piaggio. Un progetto innovativo ma nel rispetto della tradizione. La peculiarità del mezzo sta nel fatto che le pizze vengono fatte al momento, davanti gli occhi dei clienti, utilizzando ingredienti freschi e genuini. La pizza viene dunque consegnata “a portafoglio”, il modo tradizionale di consumare la pizza a Napoli, soprattutto per strada, piegandola in quattro e servendola nel particolarissimo foglio di carta paglia.

Il mezzo è dotato di una propria canna fumaria smontabile e con tavoli da lavoro a scomparsa, quindi senza supporti esterni. Tra le peculiarità l’utilizzo della foglia di basilico staccata direttamente da una piantina presente sull’ape, impasto a lenta lievitazione e lunga maturazione del maestro Aniello Buonocore e la particolarissima pizza con il pomodorino giallo.

L’INVENTORE. Laureato presso l’Università degli studi di Napoli Federico II, con la tesi dal titolo “Food and Beverage Management”​, Giovanni Kahn della Corte è stato premiato premiato dalla Camera di Commercio di Napoli nell’ambito di “Napoli eccellente”. Il suo marchio Johnny Take Uè è anche presente con Container Pizzeria nei McArthurGlen Outlet e nei 10 punti vendita “Pizzerie & Cucine d’Eccellenza”.

Tra le sue idee il “Napoli Strit Food Festival” e beerETTA, bicicletta che con la pedalata consente l’erogazione della birra, con il gruppo Mobilarch del Dipartimento di Architettura dell’Università di Napoli Federico II. È tutor aziendale presso l’Università degli studi di Napoli Federico II seguendo numerosi tesi di laurea.

Imprenditore livornese investe nel turismo a Napoli, ecco “The Sooper”

Un imprenditore livornese scommette su Napoli, investendo in un progetto che punta a valorizzare il territorio, al servizio di turisti e cittadini. Si tratta di Silvio Fremura e le attività del suo gruppo spaziano dal settore editoriale a quello di agenzia marittima, spedizioniere e broker. Ha scelto il capoluogo campano per lanciare l’app The Sooper.

«Napoli è una città piena di contrasti, luoghi misteriosi e affascinanti ed un patrimonio storico da fare invidia a qualsiasi grande capitale – spiega Fremura – Da Italiano mi sembrava quasi doveroso investire in un gioiello simile. I dati dicono che il numero di turisti è in costante crescita e sono certo che The Sooper sarà uno strumento preziosissimo per lo sviluppo del turismo in città».

Il nome nasce da un gioco di parole con il prefisso “super” che conferisce valore superlativo esprimendo il concetto della qualità superiore, dell’eccellenza, della condizione straordinaria, per identificare il meglio che c’è in città tra luoghi storici, ristoranti e tempo libero.

Attraverso un’interfaccia semplice e intuitiva, contenuti di altissima qualità arricchiti da foto esclusive, The Sooper è la prima applicazione, disponibile gratuitamente per iOs e Android, sia in italiano che in inglese, disegnata per venire incontro alle esigenze sia dei turisti che dei cittadini aiutandoli a scoprire il meglio da fare in città.

I locali e gli eventi vengono selezionati, in base a principi di eccellenza, da un team tutto under 35 e interamente made in Naples, composto da giornalisti, digital specialist, videomaker e web developer.

L’applicazione è suddivisa in 4 sezioni: Settimana, Mangiare, Fare e Scoprire. In Settimana si trovano idee su come vivere al meglio la città tra eventi e rubriche ricorrenti come “la domenica chiatta” (dove andare a mangiare la domenica a pranzo), fino alla “Nightlife weekend tips” (una selezione delle serate del weekend) e “Stasera non esco” (film da vedere a casa o cose da fare quando non ci sono eventi particolarmente allettanti). In Mangiare, ovviamente una selezione dei migliori locali, dal ristorante stellato alla piccola trattoria nascosta nel cuore di Napoli, dove vivere un’esperienza gastronomica speciale. Fare contiene invece i locali dove bere, ballare o ascoltare musica dal vivo, mentre Scoprire è una la selezione dei luoghi più belli da visitare tra chiese, siti archeologici, musei, street art, ville e palazzi antichi (https://thesooper.it/napoli/).

Ecco “Tondo napoletano”, il primo panino fritto con hamburger

Dall’incontro tra l’astro nascente della pizzeria, Isabella De Cham, ed il giovane macellaio 3.0, Antonio Di Sieno, nasce “Tondo napoletano”, il primo panino fritto con l’hamburger: carne di prima scelta e un impasto di pizza soffice, per uno street food per palati sopraffini.

Sono cinque le varianti. Si va dal “Forcella” con maialino nero casertano, parmigiana bianca e provola, al “Vomero” con hamburger di black angus scozzese, insalata e pomodoro. C’è il “Quartieri Spagnoli” con patanegra, zucchine, provola di Agerola e mascarpone, il “Rione Sanità” farcito con ragù classico napoletano, friarielli e provola di Agerola, fino al “Posillipo” con all’interno manzetta prussiana, provola di Agerola e melanzane a funghetto.

Per ora sarà possibile assaporare “Tondo napoletano” fino al 7 gennaio all’Ippodromo di Agnano nell’ambito di “Jostra”, dove un truck preparerà al momento questa novità culinaria.

Dietro a questo nuovo prodotto ci sono due giovani eccellenze partenopee.

Antonio Di Sieno, in arte “Trippicella”, classe ’79, è un macellaio 3.0 capace di vedere in un taglio di carne un sapore, un piatto o un’esperienza del gusto, un professionista che cammina a braccetto con gli chef, che ne comprende le esigenze e cerca di proporre soluzioni o nuovi prodotti capaci di amplificare la loro creatività, dando risposte tecniche efficaci. Figlio d’arte, quarta generazione di macellai, si è specializzato sulla lavorazione delle carni pregiate dal mondo, sulle più avanzate tecniche di allevamento e di frollatura.

Isabella De Cham, classe ’93, pizzaiola del rione Sanità, seppur giovanissima, vanta esperienze al fianco dei big della pizza fritta napoletana come Sorbillo da Zia Esterina, Masardona e Ciro Oliva da Concettina ai Tre Santi, fino all’incontro con Vincenzo Durante da “1947 Pizza Fritta” a Forcella. Le sue pizze fritte parlano per lei e la sua fama ha raggiunto presto tutta la città. Nel 2017 ha ottenuto il riconoscimento di pizzaiola dell’anno da “50 Top Pizza” e si è classificata al secondo posto al Campionato Mondiale del Pizzaiuolo nella categoria “pizza fritta”.

Oscar della pubblicità, trionfa l’agenzia napoletana Graphicnart

L’Istitut Français Grenoble di Napoli ha ospitato la serata finale di OpenartAward 2017 – Premio alla Pubblicità, concorso riservato alle aziende nazionali ed europee, contraddistintesi nel settore della comunicazione e del marketing. OpenartAward, Ideato e organizzato da OpenArt Napoli, giunge alla sesta edizione e si pone come momento di promozione e di crescita per i partecipanti al concorso. Per ognuna delle tredici categorie (composte di una short list di otto candidati) sono previste tre targhe (oro, argento e bronzo).

La serata, condotta dall’attrice Kiara Tomaselli, ha visto trionfare nella categoria Logos (sezione che raccoglie il maggior numero di partecipanti con ben 124 artworks iscritti) l’agenzia napoletana Graphicnart che si è aggiudicata una targa d’argento per “Apart”, logo che ricrea lo stile minimal e moderno in sinergia con le caratteristiche della struttura ricettiva, con questa motivazione: “Sintesi massima, lettura immediata, riconoscibilità,. unicità, riproducibilità…Quando di un logo non c’è null’altro da dire, ci troviamo davanti, forse, al logo perfetto!”. «È bellissimo vedere la mia città, Napoli, capitale della pubblicità italiana. Vedere agenzie provenienti da tutta Europa venire a Napoli per quest’importante manifestazione mi rende orgoglioso». Così Giuseppe Rigo, direttore creativo e fondatore di Graphicnart (nella foto).

Meatin, “re” della carne d’autore al Vomero

(c) 2016 Luciano Furia www.lucianofuria.com

Menù rinnovato, ampliamento della carta dei vini e una nuova tagline. Si presenta così Meatin per la nuova stagione. A tre anni dall’apertura, il ristorante gastronomico di via Timavo a Napoli, punta a consolidare la propria identità basata su carne cucinata e non cotta.

Meno bistecche e più ricette. In cucina ci sono chef che preparano la carne e propongono piatti dalla composizione originale e gradevole in porzioni generosissime. Un concept innovativo ben lontano dalla steack house, dai gourmet e anche dalle trattorie. Già perché nel menù non ci sono ricette classiche ma piatti ricercati. Un’offerta per palati educati.

Da oggi Meatin è “Incontri di Terra”. Nel menù spunta il Quattrore, guancia brasata in Taurasi per 4 ore, servita con spinacello saltato, soffiato di cavolfiore e zucca all’agro. Per un viaggio nel tempo c’è la Carne alla Tartara, ricetta originale dell’antico popolo barbaro, secondo lo storico Ammiano Marcellino del IV sec. d.C.: a quell’epoca depositavano la carne cruda sotto le selle, durante le cavalcate e i lunghi spostamenti questa veniva battuta e macinata, divenendo così pronta ad essere consumata. E poi Il Ruspante, tenero cosciotto di cappone giallo cotto a bassa temperatura, ripieno di frittatina e mortadella, servito con patate sauté e funghetti arrostiti. Carne sempre a Km 100 fornita dalla macelleria di Mario Carrabs, laboratorio di eccellenza culinaria in Irpinia.

Tra i primi piatti resta il Delicato sorrentino, piatto simbolo di Peppe Guida, Stella Michelin con la sua Osteria Nonna Rosa a Vico Equense, sintesi di mediterraneità: pasta mista risottata al datterino giallo, mozzarella di bufala, olio al basilico e aria di bufala con scorzetta di limone A questo si affiancano Tagliolini con cacio, pepe e limone acerbo, gnocchi acqua e farina fatti a mano con fonduta di blu di pecora e pera spadone saltata e un risotto mantecato al Quid e provola affumicata.
Un Incremento importante della carta dei vini, 40 etichette campane e 5 birre artigianali, rigorosamente campane.

Tra i dolci spunta il Ricordo d’infanzia, cremino al cioccolato bianco, cioccolato gianduia e cioccolato fondente con biscotto alla nocciola coulis di lamponi e tegolina al cioccolato

Il tutto in un locale dal design ricercato, elegante e moderno ma che non si abbassa ai formalismi. Il legno è il materiale dominante, impreziosito da vetro e acciaio. La cucina è a vista, 50 coperti e clientela fidelizzata. Tutti questi elementi hanno permesso a Meatin, a tre anni dall’apertura, di entrare nella prestigiosa guida “Ristoranti d’Italia 2018” dell’Espresso e affermarsi come ristorante d’eccellenza per la carne a Napoli.

Teatro Palcoscenico, al via la nuova stagione del “Delirio Creativo”

Officina d’arte multiforme che porta il fascino dello spettacolo dove ancora non c’è, il “Delirio creativo” è un laboratorio impegnato da oltre 10 anni nell’ideazione e improvvisazione teatrale con un occhio sempre attento alla realtà sociale cittadina. La nuova stagione del “Delirio Creativo”, diretto da Raffaele Bruno prenderà il via martedì 24 ottobre alle 20.30 presso il Teatro Palcoscenico in via Gaetano Argento 54, nei pressi di Piazza Carlo III (ingresso libero). Oltre ad esporre il programma per i nuovi iscritti o semplici spettatori, sarà possibile assistere a una vera e propria performance live, “Il rito del Delirio Creativo”, come dimostrazione delle attività che accompagneranno gli allievi durante l’intero anno accademico che avranno come “professori” oltre a Raffaele Bruno, Federica Palo, regista e attrice, e Silvia Romano direttrice musicale (accompagnata dalla band del Delirio creativo, capitanata dal cantautore Enzo Colursi). Al termine dell’evento ci saranno taralli e vino per tutti.

Come ogni anno ci saranno numerosi e prestigiosi ospiti della scena musicale campana che animeranno il rito interagendo con gli allievi. Inoltre sono previsti per approfondire ed arricchire la formazione una serie di incontri/workshop con registi e attori, tra i quali Antonello Cossia, Salvatore Cantalupo, Stefano Miglio, Alessandro Bolide, Adriana Follieri e Aniello Nigro.

IL PROGETTO CHE HA AFFASCINATO STEFANO BENNI. “Il delirio creativo – spiega Raffaele Bruno – è il teatro che si fa piazza per accogliere chiunque abbia voglia di portare il proprio talento o chi semplicemente vuole sedersi a guardare l’incantesimo che nasce ogni volta unico e sorprendente”. Durante le sessioni del laboratorio sarà possibile imparare in maniera naturale a usare correttamente la voce, gestire lo spazio scenico, interagire con gli oggetti, costruire un personaggio, lavorare sul testo e improvvisare. Il progetto “Delirio”, che vanta la stima dello scrittore Stefano Benni scegliendolo come laboratorio teatrale dei suoi seminari, è teatro, danza, canto e improvvisazione, un mix che si apre a nuovi scenari al di là del palco. Una vocazione di libera espressione artistica che da anni entra anche nelle scuole superiori, nelle strutture carcerarie, negli ospedali e nelle compagnie teatrali.

LE NOVITÀ DELLA PROSSIMA STAGIONE. Tante le novità di quest’anno come il progetto presso l’istituto FILIPPINI e la comunità di recupero per le tossicodipendenze “Crescere Insieme” alla Sanità con il sostegno dell’8×1000 e in collaborazione con l’associazione “Napoli inVita”; il laboratorio presso il centro diurno di igiene mentale di Mercato San Severino, un progetto scolastico con l’associazione Scuola di pace con 40 allievi in 4 scuole, il ritorno dell’ esclusivo format d’improvvisazione “donaci una storia” con un cast tutto nuovo; le tante repliche di “FRAGILI ANIME GUERRIERE”, lo spettacolo di teatro canzone tratto dal cd omonimo di Raffaele Bruno e Delirio Creativo.

LE IMPROVVISAZIONI DEL MARTEDÌ. Le sessioni del martedì, una volta al mese, saranno impreziosite dalla presenza di ospiti importanti del panorama artistico campano, che non si risparmieranno e daranno il loro contributo, improvvisando assieme agli allievi attori. Non una scuola, un rito attraverso il quale l’attore “si nutre, cresce e impara”. Alcuni degli ospiti che sono stati e che saranno coinvolti:
Roberto Colella, Tommaso Primo, Giglio, Maurizio Capone, Fede’n’marlen, Gatos do mar, Isole Minori Settime, P.o.p.p.o. e Massimo De Vita, Claudio Gnut, Sollo, Bruno Bavota, O’rom, Marcello Coleman, Gianni Lamagna, Laye Ba, Micaela Tempesta, Federica Vezzo, Noemi De Simone e tanti tanti altri.

Infine la squadra del Teatro Palcoscenico scenderà anche in strada e tra la gente partecipando a eventi come il “Carnevale del Gridas” di Scampia.

Durante l’anno, Bi Maui e Loreto Terranova con foto di scena e Francesco Maria Coraggio per le riprese documenteranno le attività. Tale materiale sarà raccolto nel blog insieme ai sunti poetici di Raffaele Bruno, assieme agli scatti dei numerosi “testimoni d’arte” che impreziosiscono il rito con il loro contributo

Info sulle iscrizioni e programma

http://deliriocreativo.wixsite.com/deliriocreativo
https://www.facebook.com/deliriocreativonapoli/

Oliveto Citra diventa SmartCity grazie al sacchetto intelligente

Oliveto Citra, comune italiano di 3.832 abitanti della provincia di Salerno, ha iniziato il suo percorso di SmartCity attraverso i progetti della Stonewall Capital Srl e del suo suo Ceo Maurizio Mignano. Nello specifico, il progetto “BagsControl”, mira a migliorare il servizio di raccolta differenziata.

Il comune di Oliveto Citra, infatti, distribuirà alla cittadinanza i cosiddetti “sacchetti intelligenti”: sacchi per la raccolta dei rifiuti con la stampa di un codice a barre che consentirà di tracciare ogni rifiuto, rendere i dati trasparenti ad ogni nucleo familiare e premiare chi differenzia di più grazie all’ attivazione della Carta dei Servizi collegata al circuito di pagamento SmartCash by Stonewall Capital.

La piattaforma BagsControl sviluppata dalla StoneWall Capital Srl è un sistema collaudato da più di 50 comuni grazie alla quale hanno migliorato le performance della raccolta differenziata dei rifiuti. La novità proposta dall’ amministrazione di Oliveto Citra è quella di fidelizzare i propri cittadini attraverso anche la distribuzione della carta SmartCash, una Carta dei Servizi, collegata ad un’app con la quale l’utente ha la possibilità di usufruire di una serie di servizi On-Line geolocalizzati (info sul territorio, assistenza, pagamenti) e quindi dell’apertura di un conto gratuito attraverso il quale ogni titolare ha la possibilità di vedersi accreditare importi in moneta virtuale (CashBack) ad ogni acquisto effettuato presso gli esercizi commerciali ed on-line convenzionati, ma soprattutto, con la tracciabilità dei rifiuti offerta dalla piattaforma BagsControl, è possibile premiare i cittadini virtuosi rilasciando CBK sul proprio conto SmartCash che possono essere spesi in tutte le attività convenzionate.

Tra gli strumenti offerti dalla piattaforma BagsControl c’è anche il servizio di comunicazione one to one con il cittadino in modo da poterlo coinvolgere nella costruzione dei servizi offerti attraverso l’analisi dei propri bisogni.

Nasce a Napoli la prima lavanderia per sneakers

Buone notizie per i fashion addicted: arriva in Campania la prima lavanderia per sneakers in via Arcoleo 26 – 28 a Napoli da Started1. “Una moda già esplosa negli Stati Uniti – commenta Carlo Tedesco, patron del Concept Store specializzato in shoes limited edition – che consiste in una pulizia accurata, approfondita e fatta a mano. Il servizo di Sneakers Laundry è una pratica che rientra nel nostro concetto di vendita a partire dal format di successo della Custom Made che consente di indossare qualcosa di unico, personalizzato e non omologato”. Infatti, al secondo piano di Started1 c’è un vero e proprio laboratorio capace non solo di lavare le scarpe ma anche di personalizzarle al 100%.

Lo Store, punto di riferimento per intenditori e appassionati di sneakers, punta anche su una architettura innovativa: arredi vintage e ricercati fanno da cornice a uno staff professionale e preparato. Legendary brands, atmosfera out of the box e l’infinita scelta di modelli dipingono un melting pot di stili all’avanguardia propri di chi decide di non seguire la moda, ma di dettarla.

Le novità non finiscono qui perché Started1 annuncia l’arrivo anche di due prestigiosi marchi internazionali: Nike e Adidas, in particolare le linee Quickstrike e Jordan, che si affiancano ai già presenti Saucony, Puma, Diadora, Reebok, Converse, Karhu, Pony, Womsh, Eastpack, Herschel, Marshall, Jasomarkk, Crep, Mr Boho e NewEra. Per venire incontro alle esigenze della Clientela, “Started1” non solo raddoppia aprendo anche in via Arcoleo 25-26, Store destinato ai più piccoli, ma inserisce anche il servizio di Sneakers Delivery con consegna in 24 ore (valido solo per l’area di Napoli) per gli acquisti effettuati attraverso l’e-commerce.

Campania: Pallavolo, nasce il progetto VolleyPhoenix.it

Oltre 300 atleti, 16 squadre e 24 campionati: questi i numeri del neonato consorzio targato Phoenix, che ha unito le realtà pallavolistiche di Caivano, San Marcellino e Solofra in “VolleyPhoenix.it”.

Le tre associazioni sportive campane hanno individuato nell’unione e nella collaborazione la possibilità di favorire la crescita sportiva e sociale dei propri giovani e migliorare gli standard qualitativi. A tal fine, è stata messa a punto una formula innovativa che affianca alla condivisione di idee, metodi e approcci tra tecnici e responsabili, corsi di formazione condivisi per allenatori, dirigenti e atleti.

Il consorzio intende promuovere e sostenere la cultura e i valori dello sport, incoraggiandone l’assimilazione già tra i più piccoli, per i quali sarà realizzato anche un circuito invernale di minivolley indoor, con due tappe mensili, ospitate a turno dalle organizzazioni aderenti.

Lavoreremo con le nostre individualità, ognuno sul proprio territorio – ha dichiarato il DT di Phoenix Caivano, tra i fautori dell’iniziativa, Francesco Dell’Aversanoma confrontandoci assiduamente per dare più opportunità ai nostri atleti, che potranno partecipare, tra l’altro, a stage e sessioni specifiche con gli altri allenatori delle associazioni del consorzio”.

L’obiettivo a lungo termine – ha aggiunto Dell’Aversano – è la creazione di una sola entità che raggruppi tutte le realtà che ne entreranno a far parte, identificando una squadra di riferimento in campionato superiori per esprimere al meglio i vivai delle società”.

Il cast di “Braccialetti Rossi” al Social World Film Festival

Serata dedicata alle serie televisive quella di stasera alla 7a edizione del Social World Film Festival. Il pubblico in piazza Mercato – Arena Loren vedrà sfilare sul red carpet il cast di “Braccialetti rossi” (Carmine Buschini, Mirko Trovato, Lorenzo Guidi, Pio Luigi Piscicelli, Maria Melandri, Antonietta Bello) e gli attori Cristina Donadio, Fabio De Caro, Loredana Simioli, Sabrina Impacciatore. Proiezione alle 20,30 del film “In guerra per amore” di Pif (Italia, 100’). Al termine dell’evento “Vico Jazz” in Piazza Umberto I con l’esibizione musicale di “Marco Ferri meet Hammond Groovers” con Marco Ferri, Daniele Cordisco, Antonio Caps, Elio Coppola.

Nel pomeriggio, invece, alle 16 nel Complesso Monumentale S.S. Trinità e Paradiso prenderà il via il workshop “Young Media Campus” con Pina Meriano. Alle 16,30 al Teatro Mio per la selezione “Concorso Internazionale” la proiezione dei lungometraggi “Cronaca di una passione” di Fabrizio Cattani (Italia, 78’) e l’anteprima assoluta di “Era giovane e aveva gli occhi chiari” di Giovanni Mazzitelli (Italia, 87’), al termine dibattiti con i relativi protagonisti. Alle 17 nel Museo del Cinema il “Cartoon Space”, spazio dedicato ai bambini ed ai loro genitori per vivere insieme la visione di cartoon sociali e formativi su Rai Gulp, il canale di riferimento per il pubblico compreso tra gli 8 e 14 anni.

Intanto cresce l’attesa per l’arrivo di Claudia Cardinale riceverà il Premio alla Carriera (venerdì 28 luglio) recitando alcuni passi dei più celebri film nazionali ed internazionali. Alla Cardinale verrà dedicata una retrospettiva con la proiezione di “8 e mezzo”, “Il Gattopardo”, “I guappi” e sarà insignita del titolo di Ambasciatrice del Museo del Cinema della Penisola Sorrentina. L’attrice, che campeggia anche sulla locandina del Festival, succede nell’albo d’oro dei premiati ad artisti come Giancarlo Giannini, Ornella Muti, Luis Bacalov, Valeria Golino, Leo Gullotta, Franco Nero, Maria Grazia Cucinotta che hanno apposto la loro firma sul monumento “The Wall of Fame” sito nel centro storico della città.

La pizza si inforna nel container con Johnny Take Uè e Ape Street Fooding

Da vano per trasporto merci a vera e propria pizzeria. Questa è il nuovo utilizzo dei container che, grazie alla joint venture di Johnny Take Uè di Giovanni Kahn della Corte e Ape Street Fooding di Gianni Garofalo, da oggi sforneranno pizze della tradizione napoletana. Una pizzeria itinerante che può far leva sul forno elettrico di nuova generazione che mantiene 480 gradi costanti proprio come uno a legna.
IL FORNO COLORATO. Forno che è elegantemente arricchito, così come tutti quelli a marchio Johnny, di un rivestimento con tappi colorati di bottiglie di ferro grazie all’artista Luigi Masecchia di Ttappost, progetto artistico, sociale ed ecologico, che coinvolge ragazzi diversamente abili o appartenenti a categorie svantaggiate che si occupano della selezione e trasformazione dei tappi rispettando il loro tempo attraverso delle donazioni economiche o di attività creative insieme
PIZZAIOLO A VISTA E TAVOLINI ALL’ESTERNO. E poi il pizzaiolo che lavora a vista dietro al vetro con l’impastatrice al coperto. Tavolini ed una tenda elettrica con fari a led che consente ai clienti di consumare all’esterno. Tutto il personale è formato nel laboratorio di Johnny Take Uè, pizzeria e cucina d’eccellenza al Corso Vittorio Emanuele di Napoli, flagShip del network.
L’ESORDIO. Questo innovativo format ha fatto il suo esordio nel McArthurGlen Serravalle Designer Outlet (Alessandria). Prossime installazioni in Austria, Dubai, Tel Aviv. Le novità di Johnny Take Uè non terminano qui perché martedì 22 agosto in Viale Regina Margherità a 1 Milano, aprirà un nuovo locale con 80 coperti sempre caratterizzato dall’Apecar all’interno.

Il “duello” di Romano e Baglioni in scena al Castel Sant’Elmo

Venerdì 21 luglio, alle ore 21, nella suggestiva Piazza D’Armi di Castel Sant’Elmo, il cantautore Felice Romano e Giovanni Baglioni, virtuoso della chitarra, saranno protagonisti di “Alternanze Sonore”, duello in musica e parole tra due cavalieri. Uno spettacolo site specific, la cui creazione è stata ispirata dalla location che lo ospita, e che sarà presentato per la prima volta al pubblico. 
La rappresentazione, arricchita da originali elementi teatrali e scenografici, narrerà la sfida tra la musica strumentale, solo “suonata”, e quella che fa uso delle parole per esprimere e veicolare i propri concetti; arbitro e ospite di prestigio della serata sarà il maestro Erasmo Petringa, compositore, polistrumentista e direttore d’orchestra.
Ricchi e differenti i repertori dei due artisti. Felice Romano porterà sul palco alcuni dei suoi brani pop, con arrangiamenti particolari realizzati anche grazie all’impiego di strumenti musicali medievali, presenti in scena, che contribuiranno a rendere più forte la suggestione di un viaggio musicale attraverso il tempo e lo spazio. Giovanni Baglioni proporrà brani tratti dal suo album “Anima Meccanica” così come inediti che avranno presto spazio nel suo nuovo lavoro discografico; non mancherà inoltre di omaggiare anche grandi esponenti della chitarra acustica solista che hanno ispirato il suo percorso.
“Da un confronto con Giovanni Baglioni su cosa sia la musica e se sia meglio quella strumentale o quella che si avvale anche della parola è nata l’idea di “Alternanze Sonore” – racconta Felice Romano – un vero e proprio show quasi teatrale. Immaginando un ideale scontro tra le due tesi si è arrivati a pensare ad un reale combattimento tra due cavalieri: così hanno preso vita “Cavaliere Suono” (Giovanni Baglioni) e Cavaliere Parola (Felice Romano). Il vento, che è il respiro del mondo, ma anche il primo suono, farà da arbitro e alla fine porterà i due contendenti a capire che l’armonia viene solo dall’incontro di suoni, e non dallo scontro. Quale location poteva essere migliore se non lo splendido Castello che sovrasta la città più bella del mondo?” 
 
Nello spettacolo, prodotto da E20 2020 e inserito nel cartellone della rassegna “Sant’Elmo Estate 2017”, presente anche un omaggio a Napoli, e in particolare al genio di Eduardo De Filippo.
Prevendite disponibili su www.go2.it

Cipajo e Fenesta Verde danno vita al Verdebaccalà, il panino col baccalà fritto

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Una impresa giovane e una storica realtà del luogo si incontrano per far nascere il panino Verdebaccalà. Quattro ragazzi di Giugliano hanno da poco inaugurato Cipajo Pub & Girarrosto (via San Giovanni a Campo, 8 – Giugliano in Campania), “Not just another Pub” come recita il loro claim, un format che unisce cibo, passione e gioventù. Un luogo di aggregazione e amore per il proprio territorio. Nella stessa città c’è la storica trattoria, nata nel 1948, Fenesta Verde guidata dalla chef Laura Iodice. Le due realtà dialogano e realizzano un nuovo piatto.

Il Verdebaccalà nasce proprio da uno dei piatti più celebri di Fenesta Verde, il baccalà fritto, che viene rivisitato ed accomodato tra due fette di pane. Il baccalà è il protagonista principale, reso croccante da una particolare impanatura, ed esaltato dalla crema di scarola e dal patè di olive nere.

Un panino che sarà possibile assaggiare solo nel mese di luglio, un periodo nel quale è stato anche rinnovato il menù, a cura dello chef Antonio Borzacchelli, nel quale spiccano il Calimero (180gr di maialino, avvolto nella provola di Agerola con peperoni gialli saltati in padella ed infine affogato alla crema di peperoni rossi), il Cucuzziell’ (corposo hamburger da 180gr di maialino, alleggerito da una delicata crema di zucchine, una fettina di asiago appena scottata, zucchine alla scapece e foglioline di menta.), il Ricottaro (180gr di Chianina, con un cappello di fiori di zucca, racchiuso nella provola e ricotta romana), solo per citarne alcuni.

Cipajò nasce da un’amicizia fondata su 3 principi chiave: passione per i viaggi, amore per la cucina ed aggregazione giovanile nel proprio territorio. Nei numerosi viaggi all’insegna della penisola iberica l’amicizia scopre il Cipaj, centro d’unione e attivismo giovanile volto al miglioramento dei comuni spagnoli locali. L’infatuazione per la cucina e l’ammirazione per la filosofia del Cipaj li spinge a mettersi in gioco. Oggi danno vita, con un pizzico di novità, alla propria forma d’aggregazione, basata naturalmente sulla buona cucina, signora indiscussa del nostro territorio.

“Coperta di sicurezza”, in mostra le opere dell’attore di “Gomorra”

Avvicinare un pubblico di potenziali appassionati e di potenziali collezionisti al mondo dell’arte contemporanea. Questo il concept del progetto espositivo “Coperta di sicurezza ovvero apologia della falsa caramella” nato dalla collaborazione tra Arakne Communication, la galleria d’arte “Dino Morra”, l’artista Domenico Balsamo e il curatore Marco Izzolino.

«Invece di invitare gli ospiti presso gli spazi espositivi della galleria – spiega Izzolino – invece di aprirgli lo studio dell’artista, invece di imporgli la lettura, o il rifiuto alla lettura, di un articolo di critica d’arte sulle pagine di una rivista specializzata, abbiamo scelto di accoglierli presso uno studio professionale: una “casa” della comunicazione; un luogo dove si svolge un tipo lavoro che ormai è diventato indispensabile per qualunque genere di attività».

Un processo di ridefinizione del ruolo dell’arte, un cammino verso un nuovo livello di consapevolezza nei confronti della ricerca artistica e di quanto sia importante la sua integrazione alla vita reale, attuale, che prenderà forma quindi nello studio sito in via del Parco Margherita, 34. Domenico Balsamo, napoletano classe 1979, affianca alla propria carriera di attore di cinema e di teatro un costante percorso di artista visivo. È tra i protagonisti della prima stagione di “Gomorra – La Serie” nel ruolo di Massimo, braccio destro del boss Salvatore Conte.

In questa esposizione l’artista presenta una serie di lavori su pannelli rivestiti con tessuto matelassé in vari colori. Vi sono rappresentate figure stilizzate di un immaginario infantile, simboli collettivi di un mondo fiabesco e lontano, un po’ esotico, sintesi estrema di un’avventura verso l’ignoto come una “tenera scimmietta” o da “una palma di un’isola tropicale”.

Nella parte posteriore dei pannelli, il mondo “fatato”, dove tutto sembra bello, gustoso o protettivo rischierebbe di scomparire. Il retro di ogni opera è stato infatti lasciato volutamente grezzo con buchi, tagli e cuciture grossolane, a mostrare la complessa e imperfetta immagine complementare. Ogni opera di Balsamo cela, dietro un piacere per così dire “preliminare”, un mondo interno di simboli inquietanti che toccano e rievocano la sensibilità inconscia di ognuno.

Se da un lato questo esperimento di mostra presso lo studio di Arakne vuole essere un primo tentativo d’offrire ad un giovane autore un ampliamento delle sue possibilità di visibilità e di dialogo col pubblico (che possa affiancarsi a quelle già offerte dalla sua gallerie di riferimento), dall’altro lato vuole essere la manifestazione di volontà, da parte di Arakne, d’accogliere il potere perturbante dell’opera d’arte, affinché i messaggi delle proprie campagne non siano mai banali, ma celino in profondità più livelli di elaborazione e possibilità di interpretazione.

“Coperta di sicurezza” verrà inaugurata giovedì 22 giugno dalle ore 19 in via del Parco Margherita, 34 e resterà esposta fino al 29 settembre (visitabile dalle 9 alle 18 dal lunedì al venerdì, ingresso gratuito).

A Napoli le menti più geniali del web

Le menti più geniali che hanno fatto il passato e faranno il futuro della Rete si incontrano a Napoli dal 30 giugno al 1 luglio al Castel dell’Ovo. “Pionieri della Rete” sarà l’occasione di conoscere chi ha fatto la storia del web in Italia e tutte le novità nel mondo dell’innovazione digitale con alcuni dei principali attori dell’ecosistema delle startup.

L’evento, organizzato da AssoProvider in collaborazione con NaStartup, Sindacato Unitario Giornalisti della Campania e PandAnt, sarà anche l’occasione per premiare le menti che hanno creato la Rete come la conosciamo oggi. Pionieri della Rete darà anche spazio al divertimento e ai premi. Con l’iniziativa “porta un vecchio oggetto tech”, si potrà fare un tuffo nel passato e vincere premi importanti.

“Pionieri della rete” verrà presentato lunedì 26 giugno alle ore 11 presso il Sindacato Unitario Giornalisti della Campania in Vico Santa Maria a Cappella Vecchia 8/B a Napoli alla presenza di Marcello Cama, consigliere AssoProvider; Antonio Aprea, socio Assoprovider; Antonio Prigiobbo, founder NaStartup; Claudio Silvestri, segretario SUGC; Giancarlo Donadio, founder Pandant.

Pionieri della Rete

Tradizione e innovazione: ecco i guanti Cut’n’Cos

I guanti in pelle più apprezzati nel mondo sono fatti a Napoli dove si usa un processo di concia all’anilina che evidenzia la naturale brillantezza dei colori. Eredi di una delle più antiche fabbriche di lavorazione di guanti in pelle, la Gi. Gruppo Italiano, due giovani cugini napoletani di appena 25 anni, lanciano il marchio Cut’n’Cos consapevoli di dover affrontare una grande sfida. I due, infatti, hanno scelto di proiettarsi con caparbietà nel futuro, interpretando nuove tendenze e nuovi stili, forti dell’esperienza maturata dalla tradizione e dall’artigianalità ultracentenaria delle precedenti generazioni, che mossero i primi passi già ad inizio del ‘900 nel famoso rione Sanità.

FORTI DEL NOSTRO PASSATO, MA ATTENTI AL FUTURO. Dalla piccola bottega dell’antico quartiere napoletano, il quartiere Sanità, ad oggi sono passati molti anni, ma l’esperienza maturata ha preparato Cut’n’Cos a nuove sfide e nuovi mercati. Maestri tagliatori, esperte cucitrici e ricchezza dei materiali danno la garanzia di poter rispondere a richieste di collezioni ricercate e lavori di ottima qualità. Cut’n’Cos punta tutto sull’alta, ottima, qualità dei suoi guanti, offrendoli direttamente ai clienti “online” così come agli Specialty e Department Stores.

LA NUOVA COLLEZIONE. La scelta di lanciare la prima collezione in primavera sta a sottolineare che il guanto va visto come elemento d’abbigliamento fashion, scostandosi della ormai obsoleta concezione di oggetto utile solo a riscaldare le mani. Nasce quindi la collezione special edition ss17. Dai colori accessi e dai modelli evocativi vuole porsi subito riconoscibile sul mercato. Le pelli tinte sono lavorate a mano in modo da renderle elastiche, il che è fondamentale per fare in modo che i guanti ritornino alla loro forma originale dopo averli indossati (www.cutncos.com).

FOTO IN GIRO PER NAPOLI. Graphicnart è l’agenzia napoletana con sede a Napoli e Milano, capitanata da Giuseppe Rigo, che ha firmato la campagna primavera/estate 2017 di Cut’n’Cos (Mua Filomena Pascarella, stylist Mariachiara Russo). Scattata nelle cornici inconfondibili di Napoli dal fotografo Nicola Riccardi, la campagna si compone di tre diversi momenti. Si va dallo splendido Largo San Martino, rivisto in chiave vintage. Si passa all’eleganza della Certosa di San Martino, per finire in un mood street/urban ambientato perfettamente nel camaleontico Centro Direzionale di Napoli. Scatti che raccontano come l’artigianalità e l’unicità di un accessorio d’abbigliamento raffinato, elegante ed evocatore di tempi passati possano vestire qualunque stile dall’elegante casual allo street senza mai stonare.

Passione di Sofì inventa il tarallo fritto

A vederlo sembra proprio il classico tarallo napoletano, ma solo quando lo si assapora si comprende che non è così. È il tarallo fritto l’ultima invenzione di “Passione di Sofì”, friggitoria dal motto “tradizione moderna” che ha sede in via Toledo 206 a Napoli. Ed è proprio a partire dal loro credo che nasce questa idea di prendere un classico della gastronomia napoletana e rielaborato regalandogli nuova vita e un nuovo sapore. Se il metodo di preparazione è un segreto, non vengono celati gli ingredienti: farina biologica poco raffinata, strutto, mandorle baresi, pepe nero di cayenna, sale integrale di Sicilia, acqua e lievito madre. Quindi si presenta con la consistenza di una ciambella e tutto il sapore e gli ingredienti di un tarallo napoletano.

LA TRADIZIONE MODERNA. “Passione di Sofì” vuol dire qualità delle materie prime e rispetto della tradizione, costante ricerca dei sapori e massima attenzione ai particolari. La cucina di Sofì rispecchia il suo amore per la genuinità e il valore dei prodotti, cucinati sempre in modo da preservare e valorizzare le loro caratteristiche. Una cucina nuova che non dimentica mai gli antichi insegnamenti che hanno reso grande nel mondo la gastronomia napoletana. Ed ecco il ciurillo (che campeggia sull’insegna), il calzone (salame e ricotta o scarole e olive), il filoncino, le verdure pastellate, i crostoncini di ricotta, le zeppoline, il crocchè (semplice, con prosciutto o con friarielli), gli scagliuozzi, gli arancini, le frittatine, le montanare, ma anche frittelle di baccalà, alici di Cetara, gamberi, calamari e polipetti, pizzette di cicinielli. Ricette originali, uniche e innovative che hanno, però, tutto il sapore della tradizione. Una tradizione moderna.

CHI È SOFÌ? Il locale prende ispirazione da Sofì, la popolana che rubò il cuore di Ferdinando I di Borbone, il Re “Lazzarone”, grazie alle sue irresistibili abilità culinarie. Al primo piano della friggitoria è stata ricostruita proprio la Casa di Sofì, un ambiente che potesse mantenere intatta quella veracità che è l’anima della cucina migliore al mondo, avvolgendo i clienti in un’atmosfera vivace tipica delle case napoletane, mentre nelle loro bocche si scioglie il gusto delle specialità avvolte nei cuoppi, cartocci di carta paglia, e cucinate ogni giorno dalle mani abili e sapienti di artigiani del fritto.

IL FRITTO, PASSIONE ANTICA CHE NON FA MALE. «La frittura da sempre viene consumata come un cibo di strada – così Angelo Terzo, patron di Passione di Sofì – già nel 2500 a.C. in Egitto era una pratica diffusa, così come nell’epoca romana. Anche a Napoli ha origini antiche, è un rito, uno stile di vita, perché fa parte della cultura partenopea che vive la città anche nelle sue strade, nei suoi vicoli, nei suoi luoghi. Ad oggi poi diversi scienziati dopo nuove ricerche, hanno scoperto che la frittura non sia dannosa come si racconta da anni ma addirittura sembra essere un ottimo modo per prevenire molte malattie come il cancro anzi. Ed inoltre è affermato che le verdure mantengono le loro proprietà nutritive di più se fritte nell’olio d’oliva rispetto a quando sono cotte in acqua. Il segreto è usare l’olio giusto, e non esagerare, come in tutte le cose».

Marco Belinelli super ospite al “Mates Festival”

Bagno di folla per Marco Belinelli, super ospite di ieri al “Mates Festival” di Napoli per presentare il suo libro “Poker Face”. Al termine dell’incontro, l’unico italiano ad aver vinto il titolo NBA, si è spostato poi in un campetto di basket per due tiri a canestro, selfie e autografi.

Il festival, che si sta svolgendo nell’Ippodromo di Agnano, è organizzato da Wonder Manage, Nmk e Med Music Corporate, e si propone come il raduno annuale dei giovani nella capitale del mediterraneo tra musica, dibattiti e incontri, sotto la bandiera dell’amicizia www.matesfestival.com.

Folla per Bob Sinclar al Mates Festival: stasera Axwell&Ingrosso, domani The Kolors

Cinquemila giovani di tutte le età hanno affollato l’Ippodromo di Agnano per la prima giornata del Mates Festival. Una folla festante ha risposto al richiamo dell’evento che apre il “Giugno Giovani” della città di Napoli per incontrare i propri idoli. I più piccini non si sono fatti scappare l’occasione di incontrare i Mates, youtubers da milioni di fan, oppure di scattarsi un selfie con il mitico “Genny Savastano” di “Gomorra – La serie”, l’attore Salvatore Esposito. Pubblico di teenager ai live dei rapper del momento Sfera Ebbasta, vincitore degli Mtv Music Awars 2017, e Izi. In serata hanno ballato con Daddy’s Groove ed il superdj Bob Sinclar tra musica e giochi di luce.
La seconda giornata del Mates Festival, venerdì 2 giugno, sarà caratterizzata dall’incontro alle 17.15 il cestista Marco Belinelli, unico italiano ad aver vinto il titolo NBA, incontrerà i fan per presentare il suo libro “Poker Face” e subito dopo sarà disponibile a fare due tiri a canestro con i fan a firmare autografi e fare foto. A mezzanotte invece toccherà invece al super duo Axwell & Ingrosso. Dalle 19 il dj e rapper statunitense Tony Touch, seguito da una nutrita schiera di notissimi djs come i Promise Land, Anfisa Letyago, il napoletano Mindshake.
AREE. Di grande attrattiva anche l’area gaming dove i ragazzi hanno potuto testare Mario Kart 8 Deluxe sulla nuova Nintendo Switch, o nell’area sport tra corsi di Zumba, Body Pump, Grit e Cx-Worx, lezioni di Yoga e Pilates.
DOMANI. Gran finale domani con la special guest The Kolors che alle 23 presenteranno alcuni brani del loro ultimo album “You”. Le giovani star lanciate dalla vittoria ad “Amici” nel 2015, suoneranno dal vivo per la prima volta a Napoli. E poi spazio alla club music con Kyder & Tom Staar. Party al tramonto con RSP Sound System e Samsara Beach Party, alle 20 tocca alla cantautrice Claudia Megrè. Nell’evento che si preannuncia come il festival dell’amicizia non potevano mancare Pio e Amedeo, il duo comico più irriverente della tv e record di ascolti con il loro format “Emigratis” su Italia1, che faranno più volte irruzione sul palco.
Organizzato da Wonder Manage, Nmk e Med Music Corporate, il “Mates Festival” si propone come il raduno annuale dei giovani nella capitale del mediterraneo sotto la bandiera dell’amicizia www.matesfestival.com.

Da Napoli il film che “sfida” Zalone

Parte da Napoli la sfida a “Quo Vado?” di Checco Zalone. Con coraggio, irriverenza e un pizzico di provocazione, il film “E se mi comprassi una sedia?” vuole competere con il fenomeno campione d’incassi, raccontando un pezzo d’Italia, quella della produzione cinematografica, i suoi bisogni ed i suoi sogni. Scritta, diretta e interpretata da Pasquale Falcone (“Amore con la S Maiuscola”, “Lista civica di provocazione”, “Io non ci casco”), la pellicola è impreziosita da tre citazioni, tratte dai film “Cosi parlò bellavista”, “Miserie e Nobiltà” e da uno sketch di Massimo Troisi.

“E se mi comprassi una sedia?” annovera un nutrito cast composto da Gianni Ferreri, Tano Mongelli, Fabio Massa, Elena Baldi, e può contare sulla partecipazione straordinaria di Benedetto Casillo e Sergio Solli di nuovo insieme dopo 32 anni in un film, e quella amichevole di Nicola Acunzo, Salvatore Cantalupo, Rosaria De Cicco, Ernesto Lama e Pietro De Silva. Musiche originali dirette e orchestrate da Sandro Di Stefano, che danno ritmo alla pellicola grazie anche agli inediti “Samanta, ma con l’h” e “Checco pensaci tu”.

Non si può lanciare una sfida a Zalone senza chiamarlo in causa. Ed è così che la sfida si tramuta in omaggio perché lo stesso Checco Zalone comparirà in maniera “indiretta”, in una video intervista rilasciata alla trasmissione “Niente di Personale” condotta da Antonello Piroso su La7. Prodotto e distribuito da Nicola D’Auria per Pragma, il film sarà nei cinema dall’11 maggio.

«Una commedia brillante anche un po’ favola – spiega il regista – un progetto, provocatorio e ambizioso figlio di una piccola produzione cinematografica. Un film libero di giocare con gli ingredienti del genere commedia, ma anche più vivo e meno scritto, più attento allo stile che alle tematiche, ai volti che ai tramonti. Libero, e alla ricerca di nuove sperimentazioni, incurante delle convenzioni che separano il documentario dalla finzione, l’approccio realistico da quello concettuale, l’osservazione dall’interpretazione».

SINOSSI BREVE. Due produttori cinematografici, i fratelli Tavani, titolari di una piccola società di produzione cinematografica “Tavani Brass”, visto il successo ottenuto dai film di Checco Zalone, propongono a uno sconosciuto cantante partenopeo “Chicco Resina” di realizzare un film per intercettare in qualche modo la scia del successo del film campione d’incassi in Italia. Parte da Napoli la sfida al film campione d’incassi. Riusciranno nell’impresa?

Il brand Eles Couture debutta all’Augusteo in “Troppo Napoletano”

Eles Couture, a new brand nel mondo del fashion creato dall’estro e dalla fantasia di Ester Gatta, già protagonista di spicco all’VIII edizione del Gala del Cinema e dellaFiction in Campania nella sezione “Cinema & Moda”, debutterà sul palcoscenico del Teatro Augusteo di Napoli il prossimo 17 febbraio, firmando alcuni abiti di scena femminili di “Troppo Napoletano”, adattamento teatrale del film dal titolo omonimo, primo lungometraggio prodotto da Alessandro Siani e Cattleya.
Fondato a giugno del 2016 da Ester Gatta, “Eles Couture”rappresenta una linea di abiti sartoriali, preziosi nei tessuti, unici nel design, ispirata al mondo del cinema e del teatro, destinati ad una donna estrosa ma sofisticata che “osa” al di là degli schemi tradizionali, giammai trascurando i canoni del ”Couture”, intramontabili ma in costante evoluzione. Scritta e diretta da Gianluca Ansanelli, la commedia“Troppo napoletano” è impreziosita anche da alcuni brani musicali scritti da Siani e conferma i protagonisti del grande schermo Gigi e Ross, con i piccoli Gennaro Guazzo e Giorgia Agata che guideranno un cast rinnovato con tante sorprese, composto dalla stessa Ester Gatta in un’inedita veste di “maestra”, Luigi Attrice, Alessandro Bolide, Nicoletta D’Addio, Cristiano di Maio, Gennaro Di Biase, Ivan Fedele, Loredana Simioli, Ciro Villano e con la partecipazione straordinaria di Valentina Stella, che interpreterà le canzoni scritte da Siani e Bruno Lanza. Le scene sono di Roberto Crea, le coreografie di Naike Orilio e Giuseppe Farruggio, mentre la realizzazione scenica è dei F.lli Giustiniani. Le musiche sono scritte da Bosnia e Gallo.

“L’Amore è”, charity gala di successo a Villa Diamante

Grande successo per la VI Edizione de “L’Amore è”, il Charity Gala, ideato e promosso da Maridi’ Communication in occasione di San Valentino diretto a sostenere il progetto “LUDOTECA” attivato qualche anno fa dalla LILT NAPOLI, all’interno dell’Istituto Oncologico di Napoli “PASCALE” . L’evento che si è svolto lunedì 13 febbraio nella splendida cornice di Villa Diamante sulla verde collina di Posillipo, ha visto la partecipazione di oltre settecento, selezionatissimi invitati, esponenti del mondo dell’impresa e del professionismo campano. Special guest della manifestazione condotta da Maridì Vicedomini, con interventi esilaranti di Mariano Bruno, presto di nuovo in onda su Rai 2 tra i protagonisti della nuova edizione di Made in Sud Fioretta Mari, Gianfranco e Massimiliano Gallo, insigniti dal Professore Adolfo Gallipoli d’Errico, con un premio speciale per la loro generosa adesione. Docente alle Lee Strasberg Institute di New York, a breve con sede anche ad Hollywood, direttrice artistica del musical di successo “Vacanze Romane”, Fioretta Mari è attualmente impegnata come acting coach di Serena Autieri nello spettacolo “Lady D” in scena al “Sistina” di Roma, mentre è attesa al “Diana” di Napoli in Primavera con il lavoro “Ingresso Indipendente” accanto sempre a Serena Autieri ed a Tosca D’Aquino. Stagione artistica ugualmente fortunata per i due fratelli Gallo, che atteso il successo di entrambi, Gianfranco per la serie TV “Gomorra” nel ruolo di Giuseppe Avitabile , suocero di Genny Savastano e Massimiliano in veste del commissario Palma nella fiction “I Bastardi di Pizzofalcone”, saranno protagonisti insieme sul palcoscenico, il prossimo 18 febbraio con “Sette vizi napoletani”, uno spettacolo di Teatro Canzone, in cui l’autore Gianfranco Gallo, immagina e racconta a suo modo, i vizi del popolo partenopeo al quale egli stesso sente di appartenere in maniera viscerale. L’evento si è variamente articolato tra momenti dedicati all’alta moda, al benessere psico fisico della donna, alla cultura, allo spettacolo e ed alle eccellenze agro alimentari del nostro territorio.
Per il fashion, in passerella in anteprima in Italia, 32 outfit esclusivi della mega collezione Autunno inverno 2017 /18 “Love Sex Money” by Lorella Signorino, la nota designer modenese, nota in tutto il mondo per il suo gusto e lo spiccato spirito creativo. A seguire una capsule dell’ultima collezione di “Vicoli Santi”, la maison partenopea del maestro Luciano Esposito, già assistente di miti dell’Haute Couture” come Gianfranco Ferrè con una serie di capi ispirati a Pulcinella, icona della tradizione partenopea e a dipinti sacri del barocco napoletano. Dulcis in fundo una preview della prossima collezione invernale by la Pellicceria Antonelli, con capi pregiati dalle tonalità vivaci del verde smeraldo, rosa, plu pervinca ai colori basic quali il grigio, il nero, il testa di moro, ma sempre ravvivati da un tocco di originalità nei tagli e negli accostamenti. Non solo moda ma anche spazio destinato al culto della bellezza con le inebrianti fragranze dei “Profumi del Marmo” ispirate a 5 marmi, Calacatta, Statuario, Arabescato, Portoro, Bianco Carrara, con declinazioni molto differenti, proposti nel golfo partenopeo come novità assoluta da Pecorella Marmi, azienda leader in Italia nel segmento “marmo” ed i preziosi suggerimenti specialistici di Ivan La Rusca, mago della chirurgia estetica destinati a combattere i segni dell’invecchiamento ed altre problematiche di estetica. Particolare risalto anche alle “chicche” del segmento agro alimentare del territorio campano, con la “confettata” by Maxtris, azienda leader nel settore, in perfetta sintonia con il tema dell’amore, le prelibatezze del mare proposte da “Zi Tore”, lo storico ristorante di Mergellina, nuovamente gestito dai suoi fondatori, le dolcezze della pasticceria Di Dato del maestro pasticciere Gerardo Di Dato con la moglie Rita Russo, “Bar Lady” di fama nazionale che ha proposto una fantasia di “dolcezze” ispirate al Carnevale. Molto apprezzata la “love surprice”, by “Da Pasqualino” la storica ditta nel segmento “pizza” del Borgo Loreto di Napoli, brillantemente rappresentata dall’intera famiglia Gallifuoco, il maestro Giovanni Gallifuoco con la moglie Annamaria Mazzotta, le figlie Lella istruttrice Upter, Linda, Angela, Rosa e la signora Giovanna Mazzotta che, in omaggio all’Amore ed all’estrazione partenopea dei fratelli Gallo , figli del mitico Nunzio, ha realizzato una maxi pizza “marinara” a forma di cuore illuminata da mille fiammelle. Di grande rilievo, la partnership di solidarietà ad hoc tra Caffè Kamo e la Lilt Napoli. Durante la serata, Caffè Kamo, brand giovane ma di antica tradizione, particolarmente sensibile alle istanze del sociale, ha omaggiato tutti gli invitati che volontariamente hanno effettuato una donazione al desk della LILT NAPOLI, per il progetto Ludoteca, con un’originale cadeau quale l’esclusiva borsa nata da “Compagni di viaggio”, l’iniziativa eco-solidale, destinata a dare vita ai sacchi di Juta, dopo il loro ordinario utilizzo. Ed infine, in linea con il fil rouge della manifestazione dedicata al mondo dell’infanzia la performance artistica di un’ammiccante “Cupido” a cura di Zebby Animation di Diego Chianese e Stefania Botti, che ha accolto tutti gli ospiti con arco e frecce rigorosamente rosse. Visti tra tanti, la cantante attrice Anna Capasso, Dario e Daniela Giordano, Maria Teresa Ferrari, Carla Librera, Genny e Patrizia Ossani, Grazia Beneduce, Patrizia Gargiulo, Rossella Frendo, Bruna Piantedosi, Simona Gallipoli, Gino e Maria De Laurentiis, Fabrizia Satta Flores, Loredana Maddaloni, Armida Filippelli, Valentina Pisani e Maurizio Ramirez, Daniela Sabella, Roberto e Diana De Laurentiis, Stefania Ramirez.

Luigi Tramontano è il nuovo Executive Chef dell’Hotel Le Agavi di Positano

Luigi Tramontano Executive Chef Hotel Le Agavi di Positano

Lo stellato Luigi Tramontano approda all’Hotel Le Agavi di Positano in qualità di Executive Chef dei ristoranti La Serra e Remmese. Figlio d’arte, fu guidato dal papà Antonio ad esperienze formative di rilievo come l’Etoile Accademy. Originario della Campania, ha saputo ampliare la passione verso la cucina tipica regionale con nuovi spunti derivati dalle esperienze gastronomiche.

Ha collaborato presso alcuni dei più apprezzati alberghi e ristoranti italiani, tra cui il De Russie di Roma ed il Grand Hotel Quisisana di Capri. L’esperienza al Don Alfonso 1890, ristorante 2 stelle Michelin di Sant’Agata sui due Golfi, ha contribuito ad allargare i suoi orizzonti, puntando verso la diffusione della cucina mediterranea nel mondo.

Grazie al suo tocco di Re Mida sia Il Flauto di Pan di Villa Cimbrone a Ravello che la Terrazza Bosquet del Grand Hotel Excelsior Vittoria di Sorrento, dove ha lavorato come Executive Chef, hanno ottenuto la stella Michelin. Una nuova sfida lo aspetta dalla prossima primavera nell’albergo Le Agavi che dall’alto domina l’intera baia di Positano, nel cuore della costiera, tra il verde della vegetazione e l’azzurro del mare.

Una scelta che si inserisce nell’impegno alla continua ricerca dell’eccellenza nell’ospitalità che caratterizza l’albergo 5 stelle Le Agavi sin dalla nascita nel 1982, sorto da una intelligente intuizione dell’avvocato e imprenditore Aldo Capilongo. La famiglia Capilongo ringrazia lo Chef Catello Vitaglione per la lunga e professionale collaborazione svolta in questi anni nelle sue cucine.

“L’Amore è”: i fratelli Gallo al Charity Gala

Fioretta Mari, Gianfranco e Massimiliano Gallo saranno gli special guest della VI edizione de “L’Amore è”, il Charity Gala, ideato e promosso da Maridi’ Communication in occasione di San Valentino diretto a sostenere il progetto “LUDOTECA” attivato qualche anno fa dalla LILT NAPOLI, all’interno dell’Istituto Oncologico “PASCALE” di Napoli. Attrice alla dodicesima generazione, da 4 anni docente alle Lee Strasburgo Institute di New York, a breve con sede anche ad Hollywood, direttrice artistica del musical di successo “Vacanze Romane”, Fioretta Mari è attualmente impegnata come acting coach di Serena Autieri nello spettacolo “Lady D” che debutterà al “Sistina” il prossimo 14 febbraio mentre è attesa al “Diana” di Napoli in Primavera con il lavoro “Ingresso Indipendente” accanto sempre a Serena Autieri ed a Tosca D’Aquino. Stagione artistica ugualmente fortunata per i due fratelli Gallo, che atteso il successo di entrambi, Gianfranco per la serie TV “Gomorra” nel ruolo di Giuseppe Avitabile , suocero di Genny Savastano e Massimiliano in veste del commissario Palma nella fiction “I Bastardi di Pizzofalcone”, saranno protagonisti insieme sul palcoscenico, il prossimo 18 febbraio con “Sette vizi napoletani”, uno spettacolo di Teatro Canzone, in cui l’autore Gianfranco Gallo, immagina e racconta a suo modo, i vizi del popolo partenopeo al quale egli stesso sente di appartenere in maniera viscerale. L’evento si svolgerà la sera del 13 febbraio nell’elegante cornice di Villa Diamante sulla verde collina di Posillipo e sarà variamente articolato tra momenti dedicati all’alta moda, al benessere psico fisico della donna, alla cultura, allo spettacolo e ed alle eccellenze agro alimentari del nostro territorio.

Per il fashion, in passerella in anteprima in Italia, gli outfit esclusivi della collezione Autunno inverno 2017 /18 “Love Sex Money” by Lorella Signorino, la nota designer modenese, nota in tutto il mondo per il suo gusto e lo spiccato spirito creativo. A seguire una capsule dell’ultima collezione di “Vicoli Santi”, la maison partenopea del maestro Luciano Esposito, già assistente di miti dell’Haute Couture” come Gianfranco Ferrè con una serie di capi ispirati a Pulcinella, icona della tradizione partenopea e a dipinti sacri del barocco napoletano. Dulcis in fundo, i pregiati capi della Pellicceria Antonelli, dalle tonalità vivaci del verde smeraldo, rosa, plu pervinca ai colori basic quali il grigio, il nero, il testa di moro, ma sempre ravvivati da un tocco di originalità nei tagli e negli accostamenti. Non solo moda ma anche spazio destinato al culto della bellezza con le inebrianti fragranze dei “Profumi del Marmo” ispirate a 5 marmi, Calacatta, Statuario, Arabescato, Portoro, Bianco Carrara, con declinazioni molto differenti, proposti nel golfo partenopeo come novità assoluta da Pecorella Marmi, azienda leader in Italia nel segmento “marmo” ed i preziosi suggerimenti specialistici di Ivan La Rusca, mago della chirurgia estetica. Particolare risalto anche alle “chicche” del segmento agro alimentare del territorio campano, con la “confettata” by Maxtris, azienda leader nel settore, in perfetta sintonia con il tema dell’amore, le prelibatezze del mare proposte da “Zi Tore”, lo storico ristorante di Mergellina, nuovamente gestito dai suoi fondatori, le dolcezze della pasticceria Di Dato del maestro pasticciere Gerardo Di Dato con la moglie Rita Russo, “Bar Lady” di fama nazionale. Grande attesa per la “love surprice”, by “Da Pasqualino” la storica ditta nel segmento “pizza” del Borgo Loreto di Napoli, brillantemente rappresentata dall’intera famiglia Gallifuoco, il maestro Giovanni Gallifuoco con la moglie Annamaria Mazzotta, le figlie Lella istruttrice Upter, Linda, Angela, Rosa e la signora Giovanna Mazzotta. Durante la serata, gli ospiti potranno degustare , al punto bar , le pregiate miscele di Caffè Kamo, un brand giovane ma di antica tradizione, particolarmente sensibile alle istanze del sociale; nella fattispecie, Caffè Kamo, omaggerà gli invitati che volontariamente effettueranno una donazione al desk della LILT NAPOLI, per il progetto Ludoteca, con un’originale cadeau quale l’esclusiva borsa nata da “Compagni di viaggio”, l’iniziativa eco-solidale, destinata a dare vita ai sacchi di Juta, dopo il loro ordinario utilizzo. Ed infine, in linea con il fil rouge della manifestazione dedicata al mondo dell’infanzia performance artistiche ed effetti scenografici a cura di Zebby Animation di Diego Chianese e Stefania Botti. Attesi centinaia di ospiti, esponenti del mondo dell’impresa, del professionismo e dello showbiz nazionale, tra cui la top model Shalana Santana, madrina dell’VIII edizione del Gala del Cinema e della Fiction in Campania e la cantante attrice Anna Capasso, tra le protagoniste di “Gramigna”, il film prossimamente in uscita che vede Biagio Izzo in inusuale veste “drammatica”.

La top model Raffaella Modugno sulla copertina di Pink Life Magazine

Lunedì 19 dicembre, alle 18, Palazzo San Teodoro, alla Riviera di Chiaia 281, ospita la conferenza stampa di presentazione dei Pink Life Magazine, che si propone al pubblico con uno spirito nuovo e in una veste nuova. All’incontro con la stampa parteciperanno gli editori Girolamo Alvino e Linda Suarez, anche direttore responsabile Pink Life Magazine, e Giorgio Attanasio, fashion editor Pink Life Magazine.

Subito dopo la conferenza stampa, i giornalisti saranno accolti nell’atelier di Bruno Caruso, Via Carlo Poerio, 12, che proporrà un preview della collezione primavera/estate 2017, già anticipata nell’editoriale moda di Pink Life Magazine in distribuzione ora.

E poi si torna a Palazzo San Teodoro per un party al quale parteciperà anche la top model Raffaella Modugno, testimonial Bruno Caruso Priveé.

“Compagni di viaggio”, progetto eco-solidale di Caffè Kamo

Presentato, martedi’ 13 dicembre al Cookery Bistrot di Napoli, “Compagni di viaggio” il primo progetto eco-solidale ideato e promosso da Caffè Kamo, ispirato al viaggio del caffè. Relatori del talk show, che ha visto la partecipazione di numerosi ospiti esponenti dell’imprenditoria del settore e non, sono stati: la dottoressa Marizia Rubino, responsabile Comunicazione Caffè Kamo, Serena Bonamassa, Communication specialist Caffè Kamo, Gabriella Grizzuti di Zabo, consulente designer Caffè Kamo, Paola Manfredi e Anna Marrone dell’Associazione Atelier Remida Campania. “Compagni di viaggio”, ha spiegato Marizia Rubino, “ è un’idea nata pochi mesi fa dalla volontà di raccontare il viaggio che il caffè compie dai paesi di origine dove è coltivato, fino ai nostri bar. Pochi sanno infatti che, dietro la degustazione di un buon espresso, c’è un percorso lungo ed affascinante che si snoda attraverso tante tappe, ognuna di uguale importanza per giungere ad un risultato finale eccellente. Forti di questa riflessione, abbiamo deciso di spiegare i vari passaggi di produzione di una tazzina di caffè di alta qualità; alcuni di questi quali l’acquisto e la selezione dei caffè avvengono nei paesi produttori, mentre altre attività si svolgono a Napoli, come la torrefazione attraverso la quale avviene la trasformazione del prodotto e la distribuzione delle miscele. A tal fine abbiamo ideato un calendario che attraverso 12 fotografie e testi, ripercorre i momenti salienti di questo viaggio ideale”. Ed ancora, Gabriella Grizzuti , consulente designer dio Kamo: “Il calendario Kamo è un progetto grafico articolato che mette insieme parole, fotografie e segni in un unico percorso visivo che accompagnerà i cultori del caffè Kamo nei prossimi 12 mesi”. Ma l’aspetto più intrigante di questa mission del caffè evidenziata dall’azienda Kamo e dal suo eccellente team è il riuso dei sacchi di juta, impiegati per il trasporto dei caffè crudi con l’intento di narrare la storia del primo compagno di viaggio del caffè: i chicchi infatti attraversano i vari continenti raccolti e protetti in grandi sacchi di juta. “Inseguendo questa logica””, come ha spiegato la stessa dottoressa Rubino, la Caffè Kamo con la collaborazione di Gabriella Grizzuti, ha deciso di dare nuova vita ai sacchi dopo il loro utilizzo, affinchè possano proseguire il loro viaggio in altri luoghi e con nuovi compagni. Pertanto, con l’aiuto di gruppi di lavoro del Centro Remida Napoli, Kamo ha promosso l’iniziativa di eco-design” Compagni di viaggio” che trasforma i sacchi in originali shopper da utilizzare in qualunque spostamento, che acquistano un valore simbolico delle attività Kamo che saranno attuate nel prossimo anno”. Infine , Serena Bonamassa:. “Ogni shopper”, è frutto di una lavorazione artigianale e tutti i materiali utilizzati provengono da scarti industriali. Le shopper sono una diversa da un’altra e corredate da un “passaporto” che ricorda le tappe del percorso compiuto. La borsa diventa quindi un nuovo compagno di viaggio, in una storia tutta da scrivere e da condividere sulle piattaforme sociali, utilizzando gli hashtag compagnidiviaggio e caffekamo. Il “viaggio” sarà dunque uno dei topic portanti sui canali ufficiali di Kamo nel 2017”.

Finissage elegante per “Human Faces” a Palazzo Caracciolo

Finissage elegante per la mostra “Human Faces. Art For Life” a Palazzo Caracciolo MGallery by Sofitel in occasione della Giornata Internazionale delle persone con disabilità. La personale fotografica di Sergio Goglia, a cura di Valeria Viscione, è parte dell’omonimo progetto sociale ideato da Ludovico Lieto e promosso dall’agenzia pubblicitaria Visivo Comunicazione in collaborazione con la Rappresentanza Permanente d’Italia presso le Nazioni Unite. Accolti dai padroni di casa Armando Salvemini e Marco Zuppetta, i circa 200 ospiti hanno potuto ammirare le opere alla presenza di Roberto Faraone Mennella, designer di gioielli testimonial del progetto, accompagnato dal suo socio Amedeo Scognamiglio. Ad allietare il loro palato le mini montanare del pizzaiolo Ciro Oliva e le bollicine delle Cantine Sorrentino Vini.

IL CONVEGNO. Prima del finissage si è svolto il convegno sul tema dell’inclusione delle persone con disabilità tenuto dal Comitato Unico di Garanzia del Cup (Comitato Unitario delle professioni Napoli e Campania) con interventi di Maurizio De Tilla, Natalia Sanna, Paola Marone, Maria D’Elia, Lia Maria Papa, Lucia Francesca Menna, Donata Monti, Federica Iandolo e Stefano Cola. Presenti in sala Luisa Mutti, Valentina Piscitelli e Maria Caniglia.

GLI OSPITI. Visti tra gli altri Sergio Cappelli, Davide Gallo, Nicky Chianese, Luigi Rocco, Antonio Chiacchio, Renato di Bello, Michele Migliaccio, Antonietta e Francesco Goglia, Rita Vitale, Patrizia e Marcello Serra da Palau, Antonio Martiniello, Dino Morra, Veronica Andreano, Viviana Santoro, Monica e Angelo Vita, Gabriella Giuberti, Amanda Tirabasso.

PROMUOVERE I DIRITTI DEI DISABILI. Lo scopo di “Human faces. Art for life” è proprio di contribuire alla promozione dei diritti dei disabili, sensibilizzando le istituzioni e i media su questa tematica, ed è per questo tra l’altro che la mostra proseguirà il tour nel 2017 a New York in occasione della decima “Conferenza degli Stati Parte della Convenzione sui diritti delle persone con disabilità”.

GLI “AMBASCIATORI”. Tra i personaggi che hanno supportato la nobile causa prestando la propria immagine, ritratta dagli scatti realizzati dal maestro della fotografia Sergio Goglia, figurano il regista Ferzan Ozpetek, gli attori Lambert Wilson, Luisa Ranieri, Fabio Fulco, Cristina Donadio, la conduttrice televisiva e showgirl Cristina Chiabotto, il coreografo Bill Goodson, gli imprenditori Roberto Faraone Mennella e Maurizio Marinella e lo stilista Fausto Puglisi.

I PARTNER. Il progetto “Human Faces” è stato realizzato in collaborazione con Comune di Napoli, Palazzo Caracciolo MGallery by Sofitel, Palazzo Petrucci, Concettina ai Tre Santi di Ciro Oliva, Galleria Borbonica, Rocchino Fotoincisione, Big Mountain, General Print, Profumo emozioni olfattive, Cosmesi Quarantuno, Sorrentino Vini, Comitato Unico di Garanzia del CUP (Comitato Unitario delle professioni Napoli e Campania).

San Sebastiano al Vesuvio, nasce la pro loco

A San Sebastiano al Vesuvio, con una serata di presentazione nella corte del vecchio municipio, ex quartier generale del Parco Nazionale del Vesuvio, nasce la pro loco, per dare un’aria nuova e positiva, con i suoi progetti, ad un paese che aveva sete di rinascere.

Grazie alla pro loco è stato riaperto il vecchio municipio, oggi trasformato in una galleria d’arte con esposizione di 10 pittori contemporanei a cura del maestro Enrico Russo .

La pro loco ha voluto dare un forte segnale di rinascita , creando aree d’incontro e ispirandosi a piccole città francesi, per rendere più partecipi i bambini, ha donato un trenino che girerà per la cittadina. Fino al 20 gennaio saranno installate le luminarie su tutto il territorio del comune, così come il villaggio di Natale allestito in piazza Raffaele Capasso. Infine dal 18 dicembre fino all’8 di gennaio sarà allestito un artexpo all’interno del vecchio municipio.

Ringraziando chi ha creduto in loro , non solo i soci , ma commercianti, professionisti e semplici cittadini, la pro loco di san sebastiano al vesuvio continuerà con iniziative ancora per tutto il 2017 con la missione di valorizzare l’intero territorio vesuviano, già Parco Nazionale .

Conferenza Lions al Consiglio Regionale Campania

Mercoledì 14 dicembre alle ore 10 presso la sede del Consiglio Regionale Campania, si svolgerà la seconda Conferenza regionale dei Services Lions in attuazione alla Legge regionale della Regione Campania n.12 del 1 luglio 2011. L’incontro che vedrà in primis protagonisti il Presidente del Consiglio Regione Campania, Rosetta D’Amelio, il Dottor Renato Rivieccio, Governatore Lions distretto 108 Ya, il Professore Ermanno Bocchini , Past Direttore Internazionale Lions con i Presidenti dei Lions Clubs, rappresentanti dei rispettivi Presidenti di circoscrizione, si articolerà in tre momenti; in apertura, verrà illustrato il significato ed il valore costituzionale della legge regionale fortemente promossa dal Centro Internazionale di Ricerche “Cittadinanza Umanitaria”. A seguire, l’intervento della Presidente Roselli in ordine al lavoro legislativo dell’Assemblea regionale per la partecipazione della società civile ai processi decisionali pubblici in attuazione non solo dell’art. 118 della nostra Costituzione sulla sussidarietà orizzontale, ma anche nel “Code of Good Practice for Civil Partecipation in the Decision-Making Process” del Consiglio d’ Europa di Strasburgo. Il terzo momento sarà dedicato alla presentazione da parte dei Presidenti dei Clubs, rappresentati dai rispettivi Presidenti di circoscrizione, del Documento Strategico regionale al fine di illustrare la programmazione di tutti i Services, sia operativi che progettuali in attuazione della legge n.12 del 2011, che saranno svolti per l’anno sociale 2016/17 dai Clubs della Regione Campania.

“Sogni sotto l’albero” a Villa Domi tra risate, moda e cultura

Mariano Bruno, Francesco Albanese, Peppe Laurato, Mino Abbacuccio,, le Sex and Sud alias Luisa Esposito e Floriana De Martino, ovvero il meglio di Made In Sud , sono stati gli effervescenti protagonisti della nuova edizione di “Sogni sotto l’albero”, l’evento promosso da “Maridi’ Communication” teso a celebrare l’avvento del Natale, coniugando in originale sinergia moda, cultura, arte, spettacolo. La serata svoltosi nella suggestiva cornice di Villa Domi a Napoli ha visto la partecipazione di centinaia di ospiti, esponenti del mondo dell’impresa e del professionismo campano. In apertura, per il Fashion, l’Haute Couture del maestro Gianni Molaro, volto sempre più noto di Rai 2 quale special guest di “Detto Fatto”, la seguitissima trasmissione di Caterina Balivo, che ha presentato una capsule della sua ultima collezione ispirata alla regina Maria Antonietta, seguita da un flash di esclusive creazioni dalle tonalità brillanti quali il red passion and gold spesso accostati al classico black for “Christmas Holidays” by Eles Couture di Ester Gatta, un brand giovanissimo ma già noto nel mondo dello spettacolo, che vanta due avviatissimi show room a Napoli, nel cuore del Vomero ed in via Poerio . Ed ancora, in passerella, in anteprima, “il lusso contemporaneo” espresso nei monili di alta gioielleria, unici nel design, preziosi nei materiali , delle new collection “Agrimony” e “Tratti di…..realizzati da Daniela di Martino, “architetto prestato ai preziosi”, in linea con la sua antica storia familiare. Ed ancora, sempre il segmento moda, molto applaudito il defilè della Collezione Inverno 2016 /17 de “Il Bello delle donne”, la nuova, esclusiva boutique di via Scarlatti al Vomero di Loredana Gaeta con una serie di outfit destinati ad una donna che ama essere à la page in ogni ora del giorno e, dulcis in fundo, gli eccentrici e pregiati capi del maestro pellicciaio Umberto Antonelli, sempre più apprezzato anche in Capitale, per l’artigianalità nella confezione e la selezione accurata dei pellami utilizzati. Delizia nche per l’olfatto con i i profumi “Acqua di Capri” ed “Eminence” . Grande spazio alle eccellenze agro-alimentari del nostro territorio con un’applauditissima big surprice dal maestro Giovanni Gallifuoco con Linda e Lella Gallifuoco, Annamaria e Giovanna Mazzotta della storica azienda “Da Pasqualino” nel cuore del Borgo Loreto, che hanno voluto omaggiare gli ospiti con un grande albero di Natale, realizzato artigianalmente con la pasta di pizza e decorato con pachino, mozzarella e rami di prezzemolo e l’inebriante aroma del prezioso chicco di caffè “Roko”, l’espresso in cialde ”per un piacere che non si dimentica” con la sua vasta gamma di miscele. Di scena anche la cultura con i preziosi suggerimenti in tema di economia by Vincenzo del Giudice, Personal Advisor-District Manager di Banca Widiba e “le ricette della felicità” di Diana Arcamone, autrice di un libro edito da Graus dal titolo “Tutto arriva a chi ci crede” . Gran finale con il live sax di Gianluca Scala ed un prelibato dinner buffet curato dagli chef di Villa Domi sotto l’attenta supervisione di Mimmo Contessa, patron della struttura con Marianna Mercurio, attrice , deus ex machina de “La Taverna di Villa Domi”, una location prestigiosa ed accogliente dove settimanalmente si può rivivere la magica atmosfera della tradizione musicale ed enograstronomica tipica della cultura partenopea.

“Alla Corte del Gusto”, svelato il programma dell’evento a Marigliano

Svelato il ricco programma della terza edizione “alla Corte del Gusto”, evento dedicato alla scoperta e alla valorizzazione delle eccellenze della Regione Campania, ideato dall’Associazione Culturale Terre di Campania, organizzato dal Comune di Marigliano e co-finanziata dalla Regione Campania – Assessorato alla Sviluppo e Promozione del Turismo, nell’ambito del POC Campania 2014-2020. A dare l’annuncio è stato Antonio Carpino, Sindaco del Comune di Marigliano, che ha dichiarato: <<“alla Corte del Gusto” è un evento già coronato dal successo nelle scorse edizioni e che merita di essere un punto di riferimento stabile nel panorama culturale della Città di Marigliano, questo anche grazie al co-finanziamento regionale. Un evento che si estende a tutto il territorio, coinvolgendo anche comuni limitrofi attraverso una mirabile iniziativa>>. A fargli eco Edoardo Serpico, Sindaco del Comune di Scisciano, coinvolto nell’iniziativa attraverso un protocollo d’intesa, che ha affermato: <>. A presentare nel dettaglio il programma della lunga kermesse, sono stati il Consigliere Delegato di Marigliano Giovanni Ricci; l’Assessore alla Cultura di Scisciano, Giovanna Napolitano e il Direttore Artistico Simone Ottaiano. La kermesse prenderà il via il 3 e 4 dicembre, con la Rassegna Teatrale “Il Gusto del Teatro”, dedicata al rapporto tra arte e cibo, che si terrà presso il Teatro Comunale di Scisciano. Due gli spettacoli in programma. Il 3 dicembre andrà in scena, alle ore 20,00 “Il Colore del Vino” spettacolo teatrale a cura de “La Carrozza D’Oro, per la regia di Pasquale Napolitano e con Luana Martucci, Pasquale Napolitano, Leonardo Mazza, Noureddine Halloumi. Il 4 dicembre, alle ore 18,00, sarà la volta de “’O Canisto”, a cura dell’Ente Teatro Autonomo, che si presenta come un mosaico di momenti, situazioni, abitudini della vita semplice e genuina di una volta, proprio come tutte le bontà dei prodotti della nostra terra che, al naturale o trasformati dalle dure mani delle massaie, si distinguevano, con i loro profumi e colori, nel tradizionale “canisto”. Dopo la tappa a Scisciano la terza edizione “alla Corte del Gusto” avrà il suo cardine dall’8 all’11 dicembre, presso il Castello-Palazzo Ducale di Marigliano, sede dell’Ordine delle Figlie della Carità di San Vincenzo de’ Paoli, con una imperdibile quattro giorni di laboratori, degustazioni, concerti, spettacoli, visite guidate e attività per bambini, nella splendida cornice di uno degli edifici simbolo della storia dell’Agro-Nolano che per l’occasione sarà animato dalla magia tipica del Natale grazie agli imperdibili “Mercatini delle Eccellenze”. Dal 18 dicembre al 6 gennaio 2017 la kermesse proseguirà con ulteriori attività che interesseranno l’intero territorio del Comune di Marigliano con il programma di iniziative dal titolo “Il Gusto del Natale, teatro e musica”, che culminerà il 22 dicembre con concerto di James Senese Napoli Centrale. Spettacoli musicali, teatrali, concerti e tante altre iniziative comporranno un calendario di appuntamenti adatti ad ogni età che animerà il Natale e l’inizio del nuovo anno.

Tutte le info e il programma dettagliato su: www.allacortedelgusto.it

“Sogni sotto l’albero”, l’evento a Villa Domi per celebrare il Natale

Un tripudio di allegria per la nuova edizione di “Sogni sotto l’albero”, l’evento promosso da “Maridi’ Communication” teso a celebrare l’avvento del Natale, coniugando in originale sinergia moda, cultura, arte, spettacolo. In pole position per il Gala che si svolgerà la sera del 5 dicembre nella suggestiva cornice di Villa Domi a Napoli, il meglio di “Made in Sud”, la fortuna trasmissione televisiva di nuovo in onda su Rai 2 a partire dal prossimo febbraio, con Francesco Albanese, le Sex and the Sud, alias Luisa Esposito & Floriana De Martino, Peppe Laurato, Mino Abbacuccio, Mariano Bruno, co-conduttore della kermesse accanto a Maridì Vicedomini. Ad aprire la manifestazione, il Fashion con l’Haute Couture del maestro Gianni Molaro che proporrà una capsule della sua ultima collezione ispirata alla regina Maria Antonietta, seguita da un flash di esclusive creazioni for the “Christmas Holidays” by Eles Couture di Ester Gatta, un brand giovanissimo ma già lanciatissimo nel mondo dello spettacolo. Ed ancora, in passerella, in anteprima, “il lusso contemporaneo” espresso nei monili di alta gioielleria, unici nel design , della new collection “Agrimony” realizzati dall’architetto Daniela di Martino, il defilè della Collezione Inverno 2016 /17 de “Il Bello delle donne” , di Loredana Gaeta con una serie di outfit destinati ad una donna che ama essere à la page in ogni ora del giorno e, dulcis in fundo, gli eccentrici e pregiati capi del maestro pellicciaio Umberto Antonelli, sempre più noto per l’artigianalità nella confezione e la selezione accurata dei pellami utilizzati. Tante delizie anche per l’olfatto con gli inebrianti profumi “Acqua di Capri” ed “Eminence” e per il palato grazie all’inconfondibile aroma del prezioso chicco di caffè “Roko”, l’espresso in cialde ”per un piacere che non si dimentica” ed una gustosissima “Christmas surprice” by “Da Pasqualino”, l’antica pizzeria del Borgo Loreto nel cuore di Napoli, rappresentata dal maestro Giovanni Gallifuoco con il suo attivissimo team, Lella e Linda Gallifuoco, Annamaria e Giovanna Mazzotta. Particolarmente significativo lo spazio dedicato alla cultura con i preziosi suggerimenti in tema di economia by Vincenzo del Giudice, Personal Advisor-District Manager di Banca Widiba e “le ricette della felicità” di Diana Arcamone, autrice di un libro edito da Graus dal titolo “Tutto arriva a chi ci crede” . Gran finale con un prelibato dinner buffet al suono del live sax di Gianluca Scala. Attesi centinaia di ospiti, esponenti dell mondo dello spettacolo, dell’impresa e delle professioni.

“Da Pasqualino” tra i partner di Petali di Nebbia

Lella e Linda Gallifuoco, vulcaniche esponenti della storica ditta “Da Pasqualino”, antica pizzeria del Borgo Loreto, nel cuore della città di Napoli, sono state tra le attivissime partner di un evento, tutto al femminile, teso a ricordare ed sensibilizzare l’opinione pubblica su un gravoso fenomeno sociale sempre più dilagante quale il femminicidio. “Petali di Nebbia”: questo il titolo della manifestazione svoltasi qualche giorno fa nel maestoso “Castello” di Terzigno, struttura alberghiera situata alla falde del Vesuvio, che ha visto protagonisti in originale sinergia, moda e cultura “condite” da una buona cucina e vino doc. Per il fashion, in passerella, 130 aspiranti modelle e modelli provenienti da tutta la Campania coordinati dallo staff di Luis Arsenio direttore della Zero Models Agency, vivacizzato dall’ intervento musicale della giovane cantante Federica Raimo, già tra i partecipanti de “Lo Zecchino d’Oro” e successivamente della trasmissione “The Voice” . La neo scrittrice Rosanna Pannone ha invece presentato un breve racconto sul femminicidio, imperniato su un fatto di violenza al femminile consumata tra le mura domestiche e non solo, nelle sue varie espressioni che comprendono forme di abuso fisiche e psicologiche. Significativo l’intervento dell’ l’associazione “Ferma Le Tue Mani”, da anni in trincea per combattere la violenza sulle donne, che ha dato la parola alla madre di Enza Avino, la 36enne uccisa a Terzigno dal suo ex compagno l’anno scorso, suscitando la commozione di tutti i presenti. A seguire, festival di prelibatezze eno gastronomiche tipiche del golfo partenopeo con in pole position, “Da Pasqualino” che ha deliziato il palato di tutti gli invitati con i “ bocconcini di pizza” ed appetitose focaccine farcite, confezionate per l’occasione dalle attivissime sorelle Lella e Linda Gallifuoco con il prezioso supporto di Annamaria Mazzotta, innaffiati da vini d’annata.

A Palazzo Caracciolo la presentazione di “Berebene”

Sabato 19 novembre, presso la sede dello storico Palazzo Caracciolo – in via Carbonara 112, Napoli – va in scena l’evento Berebene. Città del gusto Napoli, la fabbrica partenopea di idee, sapori e suggestioni del Gambero Rosso, celebra l’uscita della Guida Berebene 2017 con una serata speciale, tutta dedicata ai migliori vini che hanno un costo inferiore a tredici euro e sono facilmente reperibili in enoteche e grande distribuzione. Un appuntamento in cui sarà presente una selezione dell’enologia italiana, alla scoperta di vitigni autoctoni e poco conosciuti; realtà vitivinicole tutte da conoscere e apprezzare per una scelta più consapevole. «Dopo il successo del “Panettone Secondo Caracciolo” con il maestro pasticciere Iginio Massari, evento che abbiamo ospitato ieri nel nostro albergo – così Marco Zuppetta, direttore commerciale di Palazzo Caracciolo – confermiamo la centralità e l’esclusività della nostra struttura per grandi appuntamenti enogastronomici e non, sempre di più salotto buono nel cuore della città».

Da 27 anni Gambero Rosso offre una visione enoica più completa anche grazie alla guida Berebene che quest’anno premia ben 718 protagonisti che abbracciano tutta la penisola.
La Città del gusto Napoli si unirà in un singolare connubio tra vini di spicco, cucina d’autore creata ad hoc e location esclusiva per contornare quello che è il concetto di ricerca enogastronomica innovativa.
Una manifestazione che si aprirà alle ore 18.30 con un momento tecnico: una degustazione guidata e seduta con posti limitati sugli Oscar regionali e nazionali, alla presenza di produttori promotori della viticoltura di qualità, esperti di settore, sommelier, e wine lover.
Alle ore 19.30, le porte di Palazzo Caracciolo accoglieranno il pubblico di appassionati. La selezione degli “ottimi vini, sotto i tredici euro” in abbinamento alle specialità culinarie, pensate in un percorso tra mare e terra, dolce e salato per soddisfare occhi e palato.
I banchi d’assaggio saranno presieduti dai sommelier Ais per un coinvolgimento più emozionale.
In quest’occasione, Città del gusto Napoli ha voluto sostenere le popolazioni colpite dal terremoto, mostrando solidarietà e sensibilità per mettere in luce particolari prodotti tipici norcini e non.
Palazzo Caracciolo MGallery by Sofitel, dimora ottocentesca dei nobili partenopei, oggi è un hotel 4 stelle lusso che accoglie i suoi ospiti con il desiderio di regalare loro un affascinante “viaggio nel tempo”.
A suggellare le atmosfere di gran classe degli eventi firmati da Città del gusto Napoli, le sonorità eleganti e raffinate del dj-set Lunare Project con -special guest- in consolle Roberto Barone, Art director di Radio Yacht.

Bagel, musica e champagne: è festa al Vomero

Mercoledì 16 novembre alle 19, “Bagel World” apre le porte della sua sede in via Bernini 12, nel cuore del quartiere Vomero di Napoli e lo fa con una grande festa tra bagel, musica e champagne, offerti gratuitamente a tutti i presenti. Il panino col buco amatissimo negli Stati Uniti sarà il vero protagonista dell’evento, punta di diamante del locale monoprodotto, una prelibatezza da gustare dolce o salata. Durante la serata i bagel verranno serviti da sei, tra ragazzi e ragazze, provenienti da Europa, Asia, Oceania, Africa, America del Nord e America del Sud, proprio a rappresentare l’internazionalità del prodotto e dei suoi molteplici gusti presenti nel variegato menù. Il tutto scandito dal ritmo del dj set di Alex Romeo.

COM’È FATTO. Il bagel è una pasta lievitata a forma di anello che viene prima bollita in acqua per poi passare al forno. Denso interiormente e rosolato all’esterno, può essere al naturale o aromatizzato con semi di papavero, di cumino o di sesamo, oppure cosparso di sale sulla crosta. È un pane di fattura molto semplice che venne portato negli Usa dagli immigrati polacchi. Una moda poi esplosa anche in Canada, Regno Unito e Germania. Una pietanza giramondo che viene preparata da ogni paese in modo diverso. “Dopo tanto girovagare stiamo arrivando. Preparate le vostre papille gustative e allacciate le cinture di sicurezza: il giro del mondo attraverso i Bagels sta per iniziare”.

UN SEGNALE PER IL CUORE DEL VOMERO. L’inaugurazione di “Bagel World”, nato da una idea di Andrea Lanzaro e Antonio Paudice, è anche un segnale forte per l’amato quartiere collinare che per colpa della crisi economica degli ultimi anni ha visto troppe attività costrette ad abbassare definitivamente le saracinesche. Il locale è aperto tutti i giorni (orari: lunedì – giovedì dalle 11 alle 15,30 e dalle 19 alle 23; venerdì e sabato dalle 11 alle 15,30 e dalle 19 alle 2; domenica dalle 19 alle 23. Info 081 558 7537).

Il Re dei pasticcieri sbarca a Napoli: Iginio Massari giudice del “Panettone Secondo Caracciolo”

Riunire l’eleganza e le eccellenze di un dolce senza confini, con una carrellata di grandi Maestri, alla ricerca di abbinamenti e scorci partenopei, in un contesto prestigioso, questa la sfida lanciata da Napoli e raccolta da nomi illustri del panorama Nazionale della pasticceria. E così il venerdì 18 novembre dalle 19,30 a Palazzo Caracciolo MGallery by Sofitel (via Carbonara 112) Iginio Massari (il “Maestro dei Maestri”) presiederà la giuria composta da Achille Zoia (“padre” del panettone moderno), Gino Fabbri (Presidente dell’Accademia dei Maestri Pasticcieri Italiani), Vittorio Santoro (Direttore della CAST Alimenti di Brescia), Francesco Boccia (Campione del Mondo di Pasticceria in carica), Pinella Orgiana (Foodblogger), Daniele Riccardi (Chef dell’hotel Caracciolo Mgallery by Sofitel), Annalisa Leopolda Cavaleri (Giornalista Enogastronomica), Luciano Pignataro (Giornalista Enogastronomico) che eleggerà il miglior “Panettone secondo Caracciolo” (www.ilpanettonesecondocaracciolo.it).

IL PANETTONE A NAPOLI. L’incontro di due simboli che rappresentano l’Italia nel Mondo e che, specie negli ultimi anni, hanno sdoganato una serie di luoghi comuni che fanno parte della loro storia e delle tradizioni, subendo una vera metamorfosi. Da una parte il Panettone (non a caso con la P maiuscola), che ha oramai abbandonato ogni stagionalità, diventando espressione delle eccellenze del territorio e che ha visto affermare la scuola campana, che ha fatto incetta di premi in tutte le ultime manifestazioni di settore. Dall’altra Napoli, città che sta sempre più assumendo una dimensione europea e che sta registrando una costante crescita basata sul binomio “turismo ed innovazione”.

I MAESTRI PASTICCIERI. I maestri che si daranno battaglia saranno Marco Antoniazzi, Francesco Borioli, Davide Comaschi, Salvatore De Riso, Giancarlo De Rosa, Denis Dianin, Salvatore Gabbiano, Pietro Macellaro, Pasquale Marigliano, Alfonso Pepe, Marco Rinella, Paolo Sacchetti, Vincenzo Tiri che con i loro panettoni artigianali si sottoporranno a due prove di abbinamento: una tra un loro panettone ad un vino locale ed una abbinandone un secondo ad un vino scelto da loro, compito della giuria stabilire chi sia riuscito a creare il miglio connubio. Spazio anche ad una gara tra foodblogger, visto che i migliori cinque panettoni “non professionisti” selezionati, saranno sottoposti al giudizio, e commentati, dalla stessa giuria di qualità. La preselezione tra tutti i foodblogger partecipanti, avrà luogo presso l’hotel Caracciolo Mgallery by Sofitel (info e regolamento su www.ilpanettonesecondocaracciolo.it/home/contest.html).

I PREMI. Verranno assegnati premi al miglior panettone foodblogger, al migliore abbinamento con vino “obbligatorio”, al migliore abbinamento con vino “personale”, alla migliore somma di abbinamenti, al panettone che avrà apprezzato maggiormente il Maestro Zoia e Miglior panettone, che riceverà il premio Zoia/Massari. Durante la serata verrà dato uno spazio anche ad un momento di solidarietà con un’asta e la vendita dei prodotti realizzati dai Maestri Pasticcieri partecipanti alla gara, il cui ricavato verrà devoluto al Movimento cattolico “Punto cuore” di Afragola.

INFO. Il biglietto d’ingresso, riservato a 350 persone, darà diritto alle degustazioni di tutti i panettoni presentati dai Maestri Pasticcieri accompagnati dai vini proposti (20 euro). Per informazioni: tel. 392 1557226; email: info@ilpanettonesecondocaracciolo.it.

Lella Gallifuoco, primato della “Pizza Fritta” alla XIII edizione del Pizza World Cup

Lella Gallifuoco, rappresentante della storica azienda “Da Pasqualino” in auge nel “pianeta pizza” fin dal lontano 1924, ha conquistato il primato mondiale per il segmento “Pizza fritta” alla XIII edizione del Pizza World Cup recentemente conclusa. La nota maestra istruttrice partenopea doc, definita affettuosamente “Lella” dai sui familiari ede amici, ha ottenuto anche un significativo piazzamento nell’ambito della categoria Calzone Doc, conseguendo la quinta posizione. La kermesse promossa ed organizzata da “Follie Production” , diretta da Mario Folliero, segretario generale, che vede alla Presidenza il Dott. Cav Alfredo Folliero, fondatore dell’ UPT&R (Unione Europea Pizzaiuoli Tradizionali & Ristoratori), si è svolta come di consueto al Palacavicchi di Ciampino (Roma) ed ha visto la partecipazione del senatore Bartolomeo Amidei della 9 Commissione Agricoltura con il quale è stato tirato il bilancio positivo che dovrebbe portare presto all’approvazione della proposta di legge presentata unitamente all’ UPT&R dall’illustre componente del Senato per il riconoscimento della professione di pizzaiuolo con la conseguente nascita di un albo dove sarà possibile iscriversi solo se in possesso di determinate caratteristiche che il dictat legislativo prevede. Accanto a lui altri esponenti del mondo dello showbiz e del professionismo italiano come Vincenzo Soriano, protagonista del film di Angelo Antonucci “Con tutto l’amore che ho” , insieme a Barbara De Rossi, Cristel Carrisi, Sandra Milo, Patrizio Rispo, Biagio D’Anelli ed altri, attualmente candidato tra i film in concorso per il David di Donatello, l’attrice Susanna Mendoza, giornalisti del settore come Simona Buonaura per “Pasticceria internazionale” e per “Il Brigante”, Antonio Pace, Presidente dell’AVPN (Associazione Verace Pizza Napoletana), Antimo Caputo, titolare dell’omonimo mulino, Gaetano Torrente, titolare dell’azienda di pomodoro “La Torrente”, Cinzia D’Acierno per Rossopomodoro, Salvatore Varriale in rappresentanza della “Rispo”, Felicia Donnarumma con i suoi vini “Bomba d’amore”, il pluricampione di pizza Umberto Fornito, il maestro pizzaiuolo Evandro Taddei. Molto emozionante il momento della consegna di una targa ad Alfredo Folliero dalla “Federation des Pizzaiolos de France” quale Membre d’ Honner. Esilarante l’esibizione artistica di Vincenzo De Lucia, vincitore del Premio Alighiero Noschese, che ha intrattenuto gli ospiti durante l’evento con simpatiche imitazioni di noti personaggi. A condurre la due giorni “maratona pizza”, in maniera spigliata lo showman Enzo Calabrese. Super Campione dell’anno 2016 è stato proclamato Claudio Vicanò, valmontonese doc che vive e lavora in Svizzera, mentre per la Campania, oltre ai conferimenti riconosciuti alla già citata Raffaella Gallifuoco, a Rossella Lombardi è toccato il Premio come Pizzaiuolo Emergente , secondo posto per Claudio Di Pietro nella Pizza Marinara ed un terzo posto nella Pizza Margherita Doc è stato assegnato a Ciro Urzitelli che si è piazzato sesto nella Categoria Pizza Fritta.

“Tre bicchieri”, l’eccellenza vitivinicola a Palazzo Caracciolo

Domenica 30 ottobre Città del gusto Napoli animerà Napoli con l’evento più atteso dal mondo vitivinicolo, suggellando ancora una volta la sinergia con la città e celebrando la pubblicazione della Guida Vini d’Italia 2017 che premia i migliori vini della Penisola nonché, anche in questa occasione, il trentennale del Gambero Rosso con la più grande degustazione di vini d’Italia.

Nata nel 1988, la Guida Vini d’Italia è la più autorevole e nota pubblicazione di settore che ogni anno assegna gli ambitissimi “Tre Bicchieri”, garanzia di eccellenza produttiva e simbolo di qualità assoluta dei vini italiani.

L’evento avrà luogo nello splendido Palazzo Caracciolo MGallery by Sofitel – via Carbonara 112 – dove l’antica arte enoica italiana si fonderà con la bellezza architettonica di una delle location più suggestive del capoluogo campano.

Tre Bicchieri Napoli si conferma come l’appuntamento più glamour e mondano della stagione che racconta la bellezza e l’unicità di ogni regione attraverso un esclusivo parterre di etichette; quest’anno sarà, inoltre, arricchito da una connotazione ulteriormente tecnica e da qualche novità. Si parte alle ore 18.00 con un’anteprima esclusiva dedicata ai Buyer e ai professionisti del settore che potranno degustare i vini premiati incontrandone i produttori. Si continua alle ore 19.00 con una degustazione seduta, guidata e riservata ad un pubblico limitato di giornalisti, professionisti del settore e appassionati in cui si potranno apprezzare i vini “premi speciali” scoprendo in anticipo le caratteristiche organolettiche del vino Bianco dell’anno (Tenuta di Tavignano – Verdicchio dei Castelli di Jesi Cl. Sup. Misco 2015), del Rosso dell’anno (Chiaromonte – Gioia del Colle Primitivo Muro Sant’Angelo Contrada Barbatto 2013), della Bollicina dell’anno (Ruggeri & C. – Valdobbiadene Extra Dry Giustino B. 2015), della Cantina emergente (Istine – Chianti Cl. LeVigne Ris. 2013) e del premio Viticoltore dell’anno (Aimone Vio dell’azienda BioVio – Riviera Ligure di Ponente Pigato Bon in da Bon 2015).

Alle ore 20.00 l ‘evento si apre al pubblico dei wine lovers con un viaggio tra le eccellenze dell’Italia enoica, abbracciando grandi spumanti, vini rossi, vini bianchi e vini da dessert premiati dalla Guida Vini d’Italia 2017 e presentati nei banchi d’assaggio, curati da AIS Campania, senza trascurare l’attenzione a temi sempre più importanti come la sostenibilità.

“Tre Bicchieri” Napoli non è solo vino. Le eccellenze enologiche saranno abilmente abbinate ai momenti dedicati al food, sia dolce che salato, per offrire una serata all’insegna del gusto e della convivialità.

Protagonisti della serata saranno: una degustazione di “cibo d’amare” realizzato dallo Chef resident de “La Riva”, Giovanni Pastore, che allieterà i palati con un menù a base di finger food d’autore. Malafronte, il sapore della tradizione da 110 anni, attraverso Massimiliano e Daniele presenterà una degustazione di prelibatezze fragranti, profumate e croccanti del panificio ormai giunto alla quarta generazione. Un paradiso per tutti gli appassionati del latte e dei suoi derivati accoglierà con il suo vasto assortimento di formaggi, italiani ed esteri e di latticini il pubblico goloso e gourmand del Tre Bicchieri, stiamo parlando di Sogni di Latte.

“Un evento che celebra la ricchezza produttiva di alta qualità del nostro Paese – afferma Serena Maggiulli – e che conferma il ruolo strategico di Città del gusto Napoli come importante player in Campania e nel Sud per la diffusione della cultura del cibo e del vino”. “Celebriamo un bellissimo gemellaggio – così Marco Zuppetta, direttore commerciale di Palazzo Caracciolo – tra l’eccellenza vitivinicola e quella recettiva. Il nostro albergo si conferma così il salotto buono della città di Napoli”.

A suggellare le atmosfere di gran classe degli eventi firmati da Città del gusto Napoli, come sempre le sonorità eleganti e raffinate del dj-set Lunare Project con -special guest – in consolle Roberto Barone, Art Director di Radio Yacht – reduce dai successi internazionali che realizzerà per l’evento una suite musicale esclusiva ed elegante.

Partner tecnico dell’evento Grafica Leonardo che grazie all’esperienza maturata in oltre dieci anni di attività, attento alle esigenze dei suoi clienti, curerà tutti gli allestimenti logistici dell’evento.

L’evento Tre Bicchieri 2016 è a posti limitati e quest’anno sarà possibile partecipare tramite prenotazione o acquisto preventivo del biglietto di ingresso sul sito: http://bit.ly/3bicchieriNa

I panini si “vestono” da icone anni ’70 per i 40 anni di Alaska

Giovedì 27 ottobre 2016 alle ore 19 il pub “Alaska” (via Fracanzano, 13/bis) festeggia i suoi primi 40 anni di attività presentando quattro nuovi panini in un party in stile Anni ‘70. L’evento, ad ingresso gratuito, sarà una celebrazione di quegli anni a partire dai gadget che verranno distribuiti come parrucche, occhiali e baffi, trascinando gli ospiti con sonorità del passato e tante prelibatezze da gustare.

TANTO CIBO E BIRRA A FIUMI. Prosecco, birra a 10 luppoli Carlsberg, tarallini caldi e stuzzichini tanto per iniziare. Poi spazio all’angolo frittura con panzarotti e polpettine da intingere in fondute ai formaggi o al ragù. Il clou della serata sarà nel giardino al coperto con brace e bruschette con provolone del Monaco impiccato. Dalla cucina saranno sfornati mini burger, mini sfilatini e i quattro nuovi panini dedicati alle icone del 1976.

I QUATTRO NUOVI PANINI. Quell’anno il Re indiscusso della Pop Art era Warhol e così nasce “Andy” panino con gli ingredienti della lasagna, ergo polpettine, provola, ricotta e ragù. Proprio nel ’76 Jobs fonda Apple ed ecco “Steve” farcito come uno spaghetto alla Nerano: provolone del Monaco, zucchine alla Scapece, speck, pomodorini e scorzette di limone. Nelle radio impazzava “Somebody to love” dei Queen capitanati da Mercury e così si è pensato a “Freddy” con cicoli, salame, ricotta, pepe e provola proprio come una pizza fritta. Chiude il poker il panino dedicato al film “Rocky” ripieno proprio come una genovese con carne, formaggio fuso e basilico.

IL RESTYLING. Una festa per brindare al restyling del locale, del logo, del nuovo menù che punta forte sugli sfilatini, marchio di fabbrica del pub che unisce tradizione ed innovazione, avvolti nella carta paglia e talmente grandi da sfidare i clienti a terminarlo. Alaska, aperto tutti i giorni dalle 19.30, pensa anche a celiaci e vegetariani con hamburger fatti in casa e birre adatti a loro.

“Sinfonia d’autunno”, moda ed eleganza per festeggiare la nuova stagione

Arte, moda, cultura, spettacolo tra le note di una suggestiva “Sinfonia d’Autunno”; questo il liet motiv dell’evento organizzato da Maridì Communication, teso a celebrare in maniera originale l’avvento della stagione autunnale. La kermesse, svoltasi a Villa Domi il 20 ottobre, ha visto la partecipazione di 700 invitati, esponenti del mondo dell’impresa e del professionismo campano, con una folta delegazione di rappresentanti del jet set della Capitale tra cui Bianca Caringi Lucibelli, Laura Azzali, Roberta Beolchi, Piero Graus, ed è stata condotta da Maridi’ Vicedomini con il brillante supporto di due “Colonne” del programma televisivo di Rai 2 Made in Sud, Ciro Giustiniani e Mariano Bruno. Accanto a loro, in qualità di special guest, Adriana Serrapica, Emanuela Orlandi in “La verità sta in cielo”, il nuovo film di Roberto Faenza, che vanta nel cast Riccardo Scamarcio, Maya Sansa, Greta Scarano e  Valentina Lodovini che segna il suo esordio sul grande schermo, ritrovandosi al centro di una vicenda che ripercorre 30 anni di storia, riaprendo il “Cold Case ” Orlandi, Manuela Maccaroni , giudice di “Torto o Ragione-Verdetto Finale” in onda tutti i giorni, dal lunedì al venerdì su Rai 1, l’attrice Anna Capasso, tra i protagonisti di “Gramigna”, il film che vede per la prima volta Biagio Izzo in un ruolo drammatico, proiettato in anteprima nazionale in occasione della VIII edizione del Gala del Cinema e della Fiction appena conclusa, il cabarettista Angelo Di Gennaro. A fare gli onori di casa Mimmo Contessa e Marianna Mercurio, attrice, che ha annunciato l’apertura de “La Taverna di Villa Domi” ovvero uno spazio dedicato prettamente alla cultura musicale partenopea e non dove poter trascorrere piacevoli serate all’insegna dell’allegria e della buona cucina. Come ouverture di scena il fashion con il defilè “Eles Couture”, appena reduce dal successo riscosso al Gala del Cinema e della Fiction con i suoi abiti esclusivi rigorosamente artigianali ispirati ai costumi di scena; a seguire, gli outfit della Collezione Autunno Inverno 2016 /17 di Eles Boutique che vanta due sedi, al centro del Vomero ed in via Carlo Poerio, nel “salotto” di Napoli. Particolare attenzione per le mannequin “Vestite di gioielli” total body con due brand d’eccezione “GemmaGi” , alias Raffaella Serrapiglia, manager vulcanica di origine partenopea per i bijoux e “Rebella” per i sandali gioiello realizzati interamente a mano, grazie all’estro ed alla creatività di Tiziana Astuto, titolare del marchio. Ed ancora, sempre per la moda, molto applaudita una capsule in preview della preziosa Collezione Primavera Estate 2017 di Lorella Signorino, un’azienda di Carpi che spazia in maniera vincente nel settore da oltre trenta anni sia nel mercato estero che in quello nazionale ed il maestro pellicciaio Umberto Antonelli che ha proposto avvolgenti e pregiate pellicce dai tagli ed i colori inusuali abbinate a spiritose collane di pelle e pietre dure. Grande risalto anche al pianeta del benessere psico-fisico con i preziosi consigli di “Matachione Group”, azienda farmaceutica leader nel campo dal 1924 ed il centro estetico “BBD Il Bello delle donne”, dove ogni cliente viene “coccolata” con un ventaglio di trattamenti attivati anche con l’ausilio di macchinari all’avanguardia, quali in primis il T:SHAPE, illustrato da Raffaella Romano e Marta Murolo titolari della struttura. Spazio anche all’economia ed all’arte con evidenti finalità sociali con Banca Stabiese, banca etica per eccellenza ed il vernissage di alcune delle opere di “Never Give up”, il progetto dell’ “Iride” di Annalaura di Luggo, già imprenditrice rampante nel settore della nautica, in cui ognuno può perdersi ma anche ritrovarsi accompagnato dalle riflessioni di 10 ragazzi del carcere minorile di Nisida con cui l’artista ha lavorato due interi giorni cercando di entrare nel loro mondo e dando loro modo di esprimersi coralmente attraverso l’arte. Ed infine, “delizia anche per il palato” con la performance gastronomica della storica ditta “Da Pasqualino” rappresentata da Giovanni, Linda e Lella Gallifuoco Pasqualino”, quest’ultima appena reduce dalla nuova edizione di PizzaWorld Cup promossa da UPTER di cui è da tempo docente istruttore e che l’ha vista conquistare il primo posto nel segmento “Pizza fritta” ed il gusto di un’aromatica tazzina di caffè Kamo, brand giovane ma di antiche tradizioni , che propone una serie di miscele al top rigorosamente selezionate da esperti professionisti del settore. Gran finale con dinner buffet e live sax music by il musicista Gianluca Scala, in una raffinata cornice grazie ai curatissimi allestimenti ispirati ai colori ed alla natura autunnale di Valeria Gallo ed alla scenografia di Sasà Giglio.

“Sinfonia d’autunno” con l’attrice Adriana Serrapica

Sarà Adriana Serrapica , Emanuela Orlandi in “La verità sta in cielo”, il nuovo film di Roberto Faenza, che vanta nel cast Riccardo Scamarcio, Maya Sansa, Greta Scarano e  Valentina Lodovini, la testimonial di “Sinfonia d’Autunno”, l’evento promosso da Maridì Communication teso a coniugare ed a celebrare in maniera originale moda, spettacolo, cultura ed arte. Un ruolo complesso e misterioso quello di Adriana Serrapica che segna il suo esordio sul grande schermo. Un bella sfida professionale in cui la giovane artista, 19 anni, si ritrova al centro di una vicenda che ripercorre 30 anni di storia, riaprendo il “Cold Case ” Orlandi. La kermesse, che si terrà il prossimo 20 ottobre sera nella suggestiva cornice di Villa Domi a Napoli, vedrà per il Fashion, in passerella brand di grande prestigio. Ad aprire la scena “Eles Couture”, appena reduce dal successo riscosso al Gala del Cinema e della Fiction con i suoi abiti esclusivi rigorosamente artigianali ispirati ai costumi di scena; a seguire, gli outfit della Collezione Autunno Inverno 2016 /17 di Eles Boutique che vanta due sedi, al centro del Vomero ed in via Carlo Poerio, nel “salotto” di Napoli. Particolare attenzione per le mannequin “Vestite di gioielli” total body con due brand d’eccezione “GemmaGi” per i bijoux e “Rebella” per i sandali gioiello realizzati interamente a mano. Ed ancora, sempre per la moda, una capsule in preview della preziosa Collezione Primavera Estate 2017 di Lorella Signorino, un’azienda di Carpi che spazia in maniera vincente nel settore da oltre trenta anni ed il maestro pellicciaio Umberto Antonelli che fa sognare ogni donna con le sue avvolgenti e pregiate pellicce dai tagli ed i colori inusuali. Grande risalto anche al pianeta del benessere psico-fisico con i preziosi consigli di “Matachione Group”, azienda farmaceutica leader nel campo dal 1924 ed il centro estetico “BBD Il Bello delle donne”, dove ogni cliente viene “coccolata” con un ventaglio di trattamenti attivati anche con l’ausilio di macchinari all’avanguardia. Spazio anche alla cultura ed all’economica con evidenti finalità sociali che vede in campo accanto a Banca Stabiese, banca etica per eccellenza, due protagonisti: Angelo Pisani con il suo libro-denuncia “Le Luci di Scampia” ed il vernissage di alcune delle opere di “Never Give up”, il progetto dell’ “Iride” in cui perdersi ma anche ritrovarsi accompagnato dalle riflessioni di 10 ragazzi del carcere minorile di Nisida con cui l’artista ha lavorato due interi giorni cercando di entrare nel loro mondo e dando loro modo di esprimersi coralmente attraverso l’arte. Ed infine, “delizia anche per il palato” con la performance gastronomica della storica ditta “Da Pasqualino” rappresentata da Giovanni, Linda e Lella Gallifuoco Pasqualino”, quest’ultima appena reduce dalla nuova edizione di PizzaWorld Cup promossa da UPTER di cui è da tempo docente istruttore e che l’ha vista conquistare il primo posto nel segmento “Pizza fritta” ed il gusto di un’aromatica tazzina di caffè Kamo, brand giovane ma di antiche tradizioni , che propone una serie di miscele al top rigorosamente selezionate da esperti professionisti del settore. Gran finale con dinner buffet e live sax music. Attesi esponenti dello showbiz nazionale, tra cui Manuela Maccaroni giudice di “Torto o Ragione-Verdetto Finale” in onda su Rai 1 ed alcuni protagonisti della trasmissione televisiva “Made in Sud” oltre a rappresentanti del mondo dell’impresa e del professionismo campano.

Teatro Palcoscenico, al via la nuova stagione del Delirio Creativo

Officina d’arte multiforme che porta il fascino dello spettacolo dove ancora non c’è, il “Delirio creativo” è un laboratorio impegnato da oltre 10 anni nell’ideazione e improvvisazione teatrale con un occhio sempre attento alla realtà sociale cittadina. La nuova stagione del “Delirio Creativo”, diretto da Raffaele Bruno prenderà il via il 25 ottobre e sarà presentata martedì 18 ottobre alle 20 presso il Teatro Palcoscenico in via Gaetano Argento 54, nei pressi di Piazza Carlo III (ingresso libero). Oltre ad esporre il programma per i nuovi iscritti o semplici spettatori, sarà possibile assistere a una vera e propria performance live, “Il rito del Delirio Creativo”, come dimostrazione delle attività che accompagneranno gli allievi durante l’intero anno accademico che avranno come “professori” Federica Palo, regista e attrice, Silvia Romano docente di canto, Martina Coppeto per il teatro danza. Nel corso della serata sarà presentato in anteprima live un assaggio di “Aspettando Scognamiglio”, lo spettacolo di teatro canzone di Raffaele Bruno con Enzo Colursi che anticipa il secondo disco di Bruno che uscirà nel 2017. Al termine dell’evento la Cake designer Lidia Morè offrirà una bellissima torta per tutti i presenti.

IL PROGETTO CHE HA AFFASCINATO STEFANO BENNI. “Il delirio creativo – spiega Raffaele Bruno – è il teatro che si fa piazza per accogliere chiunque abbia voglia di portare il proprio talento o chi semplicemente vuole sedersi a guardare l’incantesimo che nasce ogni volta unico e sorprendente”. Durante le sessioni del laboratorio sarà possibile imparare in maniera naturale a usare correttamente la voce, gestire lo spazio scenico, interagire con gli oggetti, costruire un personaggio, lavorare sul testo e improvvisare. Il progetto “Delirio”, che vanta la stima dello scrittore Stefano Benni scegliendolo come laboratorio teatrale dei suoi seminari, è teatro, danza, canto e improvvisazione, un mix che si apre a nuovi scenari al di là del palco. Una vocazione di libera espressione artistica che da anni entra anche nelle scuole superiori, nelle strutture carcerarie, e nelle compagnie teatrali.

LE NOVITÀ DELLA PROSSIMA STAGIONE. Tante le novità di quest’anno come il progetto presso la comunità di recupero per le tossicodipendenze “Crescere Inseieme” alla Sanità con il sostegno dell’8×1000 e in collaborazione con l’associazione “Napoli inVita”; il laboratorio presso il centro diurno di igiene mentale di Mercato San Severino con un percorso che porterà alla messa in scena “C’era una volta un Re, un leone e Fabio Cannavaro” scritto dagli “ospiti” e gli operatori; il progetto Isamar per “anime migranti” per il secondo anno consecutivo, con l’obiettivo di realizzare uno spettacolo da portare in giro; un progetto scolastico con l’associazione Scuola di pace con 60 allievi e 4 scuole sul testo di Bertold Brecht “L’eccezione è la regola”; un nuovo ed esclusivo format d’improvvisazione “La danza dei ricordi”; la prima edizione dell’esclusiva rassegna per monologhi “Assolo delirante” che avrà come direttore della giuria Salvatore Cantalupo al quale verrà consegnato un premio alla carriera il 3 dicembre.

LE IMPROVVISAZIONI DEL MARTEDÌ. Come l’anno scorso le sessioni del martedì saranno impreziosite dalla presenza di ospiti importanti del panorama artistico campano, che non si risparmieranno e daranno il loro contributo, improvvisando assieme agli allievi attori. Non una scuola, un rito attraverso il quale l’attore impara. Hanno già dato la loro adesione: Maurizio Capone, Giglio, Roberto Colella (La maschera), O’ rom, Isole Minori Settime, Fede’n’Marlen, Gnut, Coffe Brecht, Salvatore Cantalupo, Alessandro Bolide. Il lunedì spazio a sessioni più canoniche, un appuntamento più tecnico. Infine la squadra del Teatro Palcoscenico scenderà anche in strada e tra la gente partecipando a eventi come il “Carnevale Gridas” di Scampia e il “Mediterraneo antirazzista”.

Lo staff:

Raffaele Bruno – Direttore artistico. È assistente di Stefano Benni nei suoi seminari. Attore, autore, regista formatosi con maestri del calibro di: Dario Fo, Cesar Brie, Naira Gonzalez, Frédérique Loliée, Ewa Beneszt, Antonio Latella, Emma Dante, Pierpaolo Sepe, Salvatore Cantalupo. Vanta un’esperienza decennale nell’insegnamento del suo metodo in contesti diversi; dalle scuole, alle carceri, passando per aziende e compagnie teatrali. Ha al suo attivo numerosi premi e riconoscimenti, tra cui il premio Alberto Sordi e il premio Walter Chiari. Autore e co-autore di tutte le canzoni del disco TUTTI FUORI della band RETE CO’MAR (2014) e autore del libro “Delirio creativo” edito da Marotta&Cafiero (2015).

Federica Palo – Direttrice didattica. Si diploma all’accademia Pietro Scharoff di Roma e approfondisce il lavoro sulla voce e sul corpo con Naira Gonzalez. Studia la biomeccanica teatrale di Mejerchol’d con Gennadi Bogdanov e teatro danza con Nina Dipla ed Elena Majnoni.

Gli altri docenti sono Silvia romano per respirazione, voce e canto e Martina Coppeto per teatro danza e training dell’attore. Durante l’anno Bi Maui e Loreto Terranova con foto di scena e Francesco Maria Coraggio per le riprese documenteranno le attività. Tale materiale sarà raccolto nel blog insieme ai sunti poetici di Raffaele Bruno.

Info sulle iscrizioni e programma su http://deliriocreativo.wixsite.com/deliriocreativo

Siani e “Gomorra” trionfano al “Gala del Cinema e della Fiction”

Si è conclusa l’ottava edizione del Galà del Cinema e della Fiction della Campania, kermesse ideata e prodotta da Valeria Della Rocca, Presidente dell’Associazione Donne & Turismo e Managing Director della Solaria Service, con la direzione artistica di Marco Spagnoli, che sin dagli esordi ha l’obiettivo di valorizzare le risorse artistiche e paesaggistiche della Regione Campania, partendo dal presupposto di considerare l’audiovisivo come uno strumento prezioso per incrementare lo sviluppo economico di un territorio, nei vari segmenti d’impresa e non solo in quello meramente turistico.

Tanti ospiti del mondo dello spettacolo hanno preso parte alla serata di premiazione, ospitata presso il Castello Medioevale di Castellammare di Stabia, presentata dall’attore Maurizio Casagrande affiancato da due madrine d’eccezione: le attrici Shalana Santana e Giulia Andò.

La giuria, – presieduta dal giornalista Tonino Pinto e composta dal professor e critico cinematografico Valerio Caprara, dagli sceneggiatori Daniele Cesarano e Nicola Guaglianone, dal direttore del Corriere del Mezzogiorno Enzo D’Errico, dal regista e produttore Riccardo Grandi, dal critico cinematografico Enrico Magrelli, dall’assessore al Turismo della Regione Campania Corrado Matera, dal direttore della direzione generale Turismo MIBACT Francesco Palumbo e dalla giornalista Miriam Mauti – ha valutato le opere selezionate, ecco i premiati per le singole categorie:

Miglior Film Commedia: Troppo Napoletano di Gianluca Ansanelli

Miglior Attore Commedia: Alessandro Siani (Si accettano miracoli)

Migliore Attrice Commedia: Valentina Lodovini (Ma che bella sorpresa)

Miglior Film Drammatico: Indivisibili di Edoardo De Angelis

Migliore Attore Film Drammatico: Massimiliano Gallo (Per Amor Vostro)

Migliore Attrice Film Drammatico: Angela e Marianna Fontana (Indivisibili)

Premio Speciale della Giuria: Antonio Casagrande (Bagnoli Jungle)

Miglior Fiction: Gomorra 2

Migliore Attore di Fiction: Marco D’Amore (Gomorra 2)

Migliore Attrice di Fiction: Cristina Donadio (Gomorra 2)

Miglior Spot: Dolce e Gabbana

Sono inoltre stati assegnati undici Premi speciali:

Premio Speciale Cinema & Teatro: Alessio Boni

Premio Speciale Eccellenza artistica: Massimo Ranieri

Premio Speciale Ventennale Un posto al Sole

Premio Speciale Regista dell’anno: Paolo Genovese

Premio Banca Stabiese: Massimiliano Gallo

Premio Speciale Giornalista dell’Anno: Titta Fiore (Il mattino)

Premio Speciale Cineturismo: Enzo Sisti

Premio Speciale Fiction di Impegno Civile e Sociale: Lampedusa di Marco Pontecorvo

Premio Speciale Donne dell’Audiovisivo: Il Paradiso delle Signore

Premio Speciale Produttore dell’anno: Marco Belardi

Premio Opera Prima in memoria di Francesco Rosi: La ragazza del mondo di Marco Danieli

Menzione speciale: Un posto sicuro di Francesco Ghiaccio

Il Galà ha avuto inizio all’inizio di questa settimana: il Cinema Posillipo ha ospitato 10 proiezioni per il pubblico e due pellicole in anteprima nazionale; al workshop del 5 ottobre hanno inoltre preso parte rilevanti esponenti del mondo cinematografico, turistico e artistico nazionale per spiegare il valore delle Film Commission, l’importanza della regolamentazione regionale, inoltre per raccontare i mestieri del cinema e di chi è dietro la macchina da presa, sottolineando infine l’importanza del cineturismo nel piano economico di ogni territorio. All’incontro hanno partecipato Maurizio Gemma (Direttore Film Commission – Regione Campania), Luciano Sovena (Presidente della Roma Lazio Film Commission), Antonella Di Nocera (Assessore Comunale Cultura e Turismo del Comune di Napoli), Paride Leporace (Direttore della Lucana Film Commission), il segretario generale FAPAV Federico Bagnoli Rossi, Lamberto Mancini (Direttore Generale Touring Club Italiano), Enzo Sisti (produttore e location Manager), la costumista Daniela Ciancio, Marina Marzotto (Vicepresidente Associazione Giovani Produttori), Michele Lettieri (Presidente Accademia della Moda di Napoli) ed Ester Gatta (Stilista e creatrice del brand Eles Couture).

Il Galà del Cinema e della Fiction della Campania gode del patrocinio morale della Regione Campania, del Comune di Napoli, dell’Unione Industriale di Napoli e conta sulla proficua collaborazione della Film Commission – Regione Campania. Tra gli sponsor di questa edizione sono da annoverare: Eles Couture, Università Telematica Pegaso, Banca Stabiese.

Vela senza barriere alla Marina Militare di Napoli

La Marina Militare, da molti anni è parte attiva nella realizzazione di progetti con finalità “sociali” con particolare riguardo al mondo della disabilità. In questo contesto, nel dicembre del 2015, è stato firmato un “accordo di collaborazione” tra il Comando Logistico della Marina Militare e la “Associazione Peepul Onlus – dalla parte dei disabili!” teso a rendere fruibili, attraverso l’abbattimento delle barriere architettoniche, le strutture della Sezione Velica Marina Militare di Napoli ai disabili. Utilizzando dei fondi europei, l’Associazione ha finanziato l’installazione degli impianti necessari per consentire a persone con ridotte capacità motorie di poter praticare la vela, anche a livello agonistico, in sicurezza e sotto la guida tecnica di esperi del settore.
Grazie a questo accordo ed alla disponibilità delle strutture della Marina Militare, si è concretizzato il progetto “Velantariato”: finanziato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri (Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale) e con il contributo di “Enel Cuore”, per l’acquisto di particolari attrezzature per consentire l’accesso in acqua dei disabili, e con il Patrocinio del Comune di Napoli, il progetto si prefigge di diffondere un nuovo modo di intendere il rapporto tra sport e volontariato puntando sulla formazione umana, su un nuovo modo di intendere i rapporti interpersonali e creando una vera integrazione e coesione sociale. La “Velaterapia” è al centro del progetto ed essa vuole essere il tassello finale della riabilitazione collegata all’eccellenza ospedaliera. Non in ultimo, attraverso questa opportunità di praticare la vela, potranno essere individuati i futuri campioni paraolimpici che rappresenteranno i colori nazionali nelle venture competizioni a cinque cerchi.
Per meglio illustrare l’accordo di collaborazione, il prossimo 11 ottobre, alle ore 11:00, presso la Sezione Velica Marina Militare di Napoli (sita nella Base Navale di Via Acton), si terrà una conferenza Stampa nel corso della quale, alla presenza dell’Ammiraglio di Squadra Raffaele Caruso, Comandante Logistico della Marina Militare, la Prof.ssa Ileana Esposito, Presidente dell’Ass.ne Peepul e l’Amm. Ispettore Luciano Magnanelli, Presidente della Sezione Velica Marina Militare di Napoli presenteranno le strutture messe a disposizione dalla Marina Militare, gli aspetti salienti e le finalità del progetto “Velantariato”. Interverranno Francesco Lo Schiavo, Presidente della IV zona FIV e Carmine Mellone, Presidente Cip Regione Campania.

Gala Cinema e Fiction in Campania: workshop tra moda e turismo

Nell’ambito dell’ottava edizione del Galà del Cinema e della Fiction, kermesse ideata e prodotta da Valeria Della Rocca, Presidente dell’Associazione Donne & Turismo e Managing Director della Solaria Service, con la direzione artistica di Marco Spagnoli, si è svolta ieri presso il Palazzo Zapata di Napoli la giornata dedicata al workshop su rilevanti temi d’impresa inerenti il settore cinematografico. La giornata di lavori, introdotta dalle studentesse della Luiss Writing School For Cinema & Television, ha ospitato i primi rilevanti interventi dedicati alle leggi regionali e al sistema dell’audiovisivo di Maurizio Gemma (Direttore Film Commission – Regione Campania), Luciano Sovena (Presidente della Roma Lazio Film Commission), Antonella Di Nocera (ex Assessore Comunale Cultura e Turismo del Comune di Napoli), e Paride Leporace (Direttore della Lucana Film Commission).

IL lavoro della film commision. «Ci sono Film Commission che hanno la fortuna di poter contare su un patrimonio artistico di valore inestimabile, la Campania è tra questi – ha spiegato Maurizio Gemma -. Al tempo stesso però il nostro ruolo è quello di impegnarci al massimo affinché, pur con risorse economiche inesistenti, le produzioni siano stimolate e invogliate a investire sull’immagine della nostra regione. È importante mettere in mostra le specificità dei luoghi in cui viviamo perché è da questo che può svilupparsi un nuovo modo di fare cinema e tv al di fuori dei distretti tradizionali. Inoltre, la concorrenza tra le varie Commission e di conseguenza tra i territori dipende dalla disponibilità delle infrastrutture e dalla presenza di addetti ai lavori specializzati nei loro mestieri». Questi sono giorni importanti per il comparto audiovisivo campano, l’ex assessore Antonella Di Nocera ha infatti ricordato: «Domani (oggi, ndr) è un giorno importante, se la Legge Cinema sarà approvata anche la Campania avrà una regolamentazione e un finanziamento (fondi pari a 5 milioni l’anno) che possono servire a sostenere il nostro territorio, incentivando i produttori a venire da noi. Da sempre mi occupo di cinema, avevo 16 anni quando ho iniziato, e ho capito che alla base c’è la formazione ed è proprio a questo aspetto che dobbiamo dedicare la massima attenzione». Dell’esperienza romana ha parlato invece Luciano Sovena, della Roma Lazio Film Commission, che può contare su fondi consistenti dedicati all’industria cinematografica e audiovisiva. Sovena ha voluto evidenziare l’interesse della Regione Lazio nella promozione di una nuova generazione di professionisti del cinema e dell’audiovisivo attraverso il progetto “Torno subito: programma di interventi che finanzia progetti presentati da giovani universitari o laureati dai 18 ai 35 anni, articolati in percorsi integrati di alta formazione ed esperienze in ambito lavorativo, in contesti internazionali e nazionali.

il secondo panel. Ospite del secondo panel della giornata, il segretario generale FAPAV Federico Bagnoli Rossi che ha illustrato il progetto “Io faccio film”, un’iniziativa unica nel panorama italiano promossa da Anica, Fapav, Mpa e Univideo. «Questo progetto – ha raccontato – è in realtà una straordinaria campagna nata per sostenere e valorizzare le professionalità del cinema italiano e gli appassionati della settima arte. Con oltre 170.000 professionisti impiegati, infatti, l’industria audiovisiva italiana ha un valore di circa 14 miliardi di euro e costituisce un’importante risorsa culturale, economica e occupazionale per il nostro Paese. Una preziosa risorsa che va sostenuta, tutelata e rispettata».

location, food e moda. Infine, l’incontro “L’audiovisivo e la sfida del Cineturismo tra Location, Food e Moda” ha potuto contare sulla presenza di tre rilevanti esponenti di questi singoli settori: Lamberto Mancini (Direttore Generale Touring Club Italiano), la costumista Daniela Ciancio, Michele Lettieri (Presidente Accademia della Moda di Napoli) ed Ester Gatta (Stilista e creatrice del brand Eles Couture). Proprio il DG del Touring Club Lamberto Mancini ha chiaramente parlato di “necessità di concretezza”, o meglio: « Bisogna investire in produzioni che rappresentino l’italianità che non è quella banale e poco autentica di alcuni film degli ultimi anni». «Il cinema e la moda vanno di pari passo, è un scambio continuo e assiduo – ha rivelato Lettieri -. Attraverso il cinema indaghi sulla moda e sugli stili che si sono susseguiti di decennio in decennio. I settori si sostengono a vicenda, non può esistere l’uno senza l’altro: a parer mio la moda si ispira ai film per lanciare tendenze». Ha parlato della sua mission anche Ester Gatta, forte di un know how nel mondo dello spettacolo e da giugno 2016 fondatrice del brand Eles Couture, mettendo il suo forte spirito creativo a servizio della moda dando vita ad un sartoria partenopea in grado di competere sul mercanto internazionale:«I miei capi sono unici nel design e preziosi nei tessuti utilizzati, sono frutto di uno studio accurato ispirato al mondo del teatro e del cinema».

Torna il Galà del Cinema e della Fiction in Campania

Parte oggi l’ottava edizione del Galà del Cinema e della Fiction della Campania, kermesse ideata e prodotta da Valeria Della Rocca, Presidente dell’Associazione Donne & Turismo e Managing Director della Solaria Service, con la direzione artistica di Marco Spagnoli, che ha l’obiettivo di valorizzare le risorse artistiche e paesaggistiche della Regione Campania, partendo dal presupposto di considerare l’audiovisivo come uno strumento prezioso per incrementare lo sviluppo economico di un territorio, nei vari segmenti d’impresa e non solo in quello meramente turistico.

Nel corso della conferenza stampa di apertura svoltasi questa mattina a Napoli, presso la Sala Cenzato dell’Unione industriale, è stato presentato il programma di questa edizione che si aprirà questa sera con l’anteprima nazionale de La ragazza del mondo. La pluripremiata pellicola di Marco Danieli, nelle sale dal 10 novembre, sarà introdotta dal regista e dal co-sceneggiatore Antonio Manca alle 21 presso il Cinema Posillipo, che ospiterà inoltre alle 19 la proiezione di Senso di marcia, di Daniele Iervolino.

“Il Galà riscuote sempre più successo perché i distributori, i produttori e tutti gli esponenti del comparto dell’audiovisivo attendono questo momento per parlare di Cinema in Campania e di cineturismo – ha spiegato Valeria Della Rocca, ideatrice e produttrice della manifestazione – Questa edizione è ricca di nuovi contenuti: oltre alle proiezioni al Posillipo destinate al pubblico e alla Città, il 5 ottobre si parlerà di legge sull’audiovisivo e proprio di turismo, spaziando inoltre dalla moda al cibo nel corso di un workshop che durerà un’intera giornata. Il Galà è nato otto anni fa con l’obiettivo di accendere i riflettori sulle potenzialità della nostra Regione, il turismo deve essere elemento fondamentale di crescita, anche i dati lo confermano: non dimentichiamo che vale circa l’11% del Pil nazionale”.

Era presente all’incontro di questa mattina anche l’Assessore regionale al Turismo, Corrado Matera: “Il Galà del Cinema e della Fiction è un evento di grande promozione per la Campania, e va sostenuto con sforzo e determinazione. Questi giorni – ha riferito – sono particolarmente delicati perché in sede regionale stiamo per approvare la Legge sul Cinema, fortemente voluta dal Presidente De Luca che ha intenzione di conferire la giusta dignità a questo settore trascurato per troppo tempo. È un’occasione da non perdere e per questo occorre una normativa chiara ed utile allo sviluppo di un percorso di implementazione di offerta turistica legata alla valorizzazione territoriale attraverso il cineturismo. Il Turismo – ha concluso l’assessore – è un elemento di forza per la Campania, e l’argomento deve interessare in maniera trasversale tutti, soprattutto considerando gli enormi flussi di visite di questo ultimo anno”.

Il momento più atteso del Galà è quello dedicato al concorso dei film, delle fiction e degli spot selezionati tra quelli realizzati in Campania nel corso della precedente stagione cinematografica. Selezionati per il genere “Film Commedia”: A Napoli non piove mai di Sergio Assisi, Ma che bella sorpresa di Alessandro Genovesi, Se mi lasci non vale di Vincenzo Salemme, Si accettano miracoli di Alessandro Siani, Troppo Napoletano di Gianluca Ansanelli, Vita, Cuore, Battito di Sergio Colabona; per la categoria “Film Drama”: Bagnoli Jungle di Antonio Capuano, Due euro l’ora di Andrea D’Ambrosio, Gramigna di Sebastiano Rizzo, Indivisibili di Edoardo De Angelis, La Buona Uscita di Enrico Iannaccone, Per amor vostro di Giuseppe M. Gaudino.
In concorso anche le “Serie tv”: “Gomorra 2” diretta da Stefano Sollima, Francesca Comencini, Claudio Cupellini, Claudio Giovannesi; “Non dirlo al mio capo” e “Sotto copertura” entrambe di Giulio Manfredonia. Infine, concorrono per il segmento “Spot Pubblicitario”: “Campania sicura 2016”, “Impero Couture 2016”, “Dolce e Gabbana 2016”, “Leerdammer 2015”, “Carpisa 2016” ed “OptimaItalia”.
Appuntamenti atteso, il workshop del 5 ottobre presso Palazzo Zapata (Piazza Trieste e Trento 48, Napoli) su rilevanti temi d’impresa: dall’incontro su “Le leggi regionali e il sistema dell’audiovisivo”, introdotto dagli studenti della Luiss Writing School For Cinema & Television, a “Io faccio film”, presentazione della campagna MPA Anica Univideo. Infine, l’incontro “L’audiovisivo e la sfida del Cineturismo tra Location, Food e Moda” che si compone di tre panel su “Tax Credit e il Mercato”, “Il turismo” e “La Moda e il food”.

La serata di premiazione, che si svolgerà il 7 ottobre nella suggestiva location del Castello Medievale di Castellammare di Stabia (Napoli), ospiterà tra gli altri i maggiori esponenti del mondo dello showbiz nazionale e sarà condotta da Maurizio Casagrande. Madrine dell’evento saranno Shalana Santana, attrice di origini brasiliane protagonista dell’opera prima di Francesco Albanese Ci devo pensare, e Giulia Andò, attrice palermitana molto apprezzata per la sua interpretazione in Viva la libertà, al fianco di Toni Servillo e Valerio Mastandrea, e tra le protagonista della serie tv “Questo è il mio paese”, diretta da Michele Soavi.
In occasione della conferenza stampa, tenutasi a Roma la scorsa settimana, sono stati inoltri già assegnati due riconoscimenti a Massimo Ranieri e Marco D’Amore. Il primo, celebre attore e interprete teatrale ha ricevuto il Premio Eccellenza Artistica: “Questo premio mi onora e commuove soprattutto conoscendo il valore degli artisti che prima di me lo hanno ricevuto – ha detto l’artista partenopeo -. Per me è poi più che speciale perché arriva dai miei napoletani, da casa, dalla mia famiglia allargata”. A Marco D’Amore è andato invece il Premio Miglior Attore di Fiction 2016 a Marco D’Amore per la sua iconica interpretazione di Ciro Di Marzio in “Gomorra – La Serie”, serie cult prodotta da Sky. “Da spettatore più che da addetto ai lavori continuo a constatare che la nostra Regione produce bellezza, ‘Gomorra’ per troppo tempo è stata tacciata di raccontare in maniera esclusivamente cupa il nostro territorio ed invece si è fatta portavoce del talento di artisti napoletani”.

La giuria, a cui è stato assegnato il compito di esaminare le varie opere selezionate e attribuire i Premi alle singole categorie, è presieduta dal giornalista Tonino Pinto e composta dal professor e critico cinematografico Valerio Caprara, dagli sceneggiatori Daniele Cesarano e Nicola Guaglianone, dal direttore del Corriere del Mezzogiorno Enzo D’Errico, dal regista e produttore Riccardo Grandi, dal critico cinematografico Enrico Magrelli, dall’assessore al Turismo della Regione Campania Corrado Matera, dal direttore della direzione generale Turismo MIBACT Francesco Palumbo e dalla giornalista Miriam Mauti.

Inoltre, ai Premi ufficiali si affiancheranno gli importanti riconoscimenti assegnati ad autorevoli rappresentanti del mondo dello spettacolo, tra i tanti il Premio Speciale alla carriera, assegnato nelle trascorse edizioni a icone del Cinema come Gianni Amelio e Pupi Avati; il Premio Speciale Stampa, quello Cinema e Teatro ed ancora un Premio per le opere prime, dedicato alla memoria del napoletano Francesco Rosi, tra i più celebri registi del panorama cinematografico internazionale scomparso nel gennaio dello scorso anno. All’assegnazione di quest’ultimo premio concorreranno: La ragazza del mondo di Marco Danieli con Michele Riondino e Sara Serraiocco, Banat – Il viaggio di Adriano Valerio con Edoardo Gabbriellini, Elena Radonicich, Le ultime cose di Irene Dionisio con Fabrizio Falco e Roberto De Francesco, Pecore in Erba di Alberto Caviglia con Davide Giordano e Anna Ferruzzo, Un posto sicuro di Francesco Ghiaccio con Marco D’Amore, Matilde Gioli e Giorgio Colangeli.

Il Galà del Cinema e della Fiction della Campania gode del patrocinio morale della Regione Campania, del Comune di Napoli, dell’Unione Industriale di Napoli e conta sulla proficua collaborazione della Film Commission – Regione Campania. Tra gli sponsor di questa edizione sono da annoverare: Eles Couture, Università Telematica Pegaso, Banca Stabiese.

“Johnny Take Uè”, apre al Vomero la pizzeria d’eccellenza

Dopo aver girato mezzo Mondo, conquistando il palato di migliaia di bongustai, la mitica Apecar che sforna pizze di Giovanni Kahn della Corte torna a Napoli e trova casa in viale Raffaello 12. Con il tre ruote sul tetto del locale, “Johnny Take Uè”, ha già attirato l’attenzione di tutti gli abitanti del Vomero.

apecar-sul-tetto

LA PIZZA. Una pizzeria d’eccellenza che punta forte su un impasto a lenta lievitazione e lunga maturazione del maestro Aniello Buonocore, tutor pizza chef dei corsi che si terranno presso l’Università della cucina mediterranea. Il tutto con ingredienti di spicco come la mozzarella Euroiovine, il pomodoro Torrente e la farina Molino Iaquone.

FRITTI E DOLCI. La friggitoria artigianale è a cura dello chef Francesco Giacalone. Ciliegina sulla torta di questo gioiellino del quartiere collinare saranno i dolci firmati Gay Odin.

Danza, un team internazionale per la nuova stagione del MART

Giovedì 8 settembre si terrà l’Open Day del MART, la scuola di danza del coreografo internazionale di Marco Auggiero in via Santa Maria della Neve 9 (ex LabArt), con lezioni gratuite dei maestri di fama mondiale del calibro di Francesco Milana (ballet ore 10,30 – 12,00), Marco Auggiero (contemporary ore 12,00 – 13,30), Mauro Mosconi (modern jazz ore 13,30 – 15,00), Peter Valentin (hip hop ore 15,00 – 16,30) e Bill Goodson (jazz funk ore 16.30 – 18.00), che formeranno il corpo docenti del nuovo anno accademico che verrà presentato alle 19,30. A seguire aperitivo con djset.

Durante la giornata si terranno le audizioni per il tour 2016 – 2017 di “Ovo” della MART Company (è richiesta una preparazione classica e contemporanea ed un assolo contemporaneo, per info e prenotazioni 081.681294) e verranno rese note le borse di studio.

Special guest è il coreografo Bill Goodson che ha lavorato con Michael Jackson, Paula Abdul, Diana Ross, Renato Zero, Steve Winwood e Gloria Estefan, al Moulin Rouge di Parigi. Ha insegnato allo “Studio Harmonic” di Parigi, al “Ballet Academien” di Stoccolma e al “Broadway Dance Center” di Tokio. In Italia è conosciuto per i programmi “Torno sabato” di Giorgio Panariello e “Chiambretti Night”.

Caffè Kamo: online il nuovo sito internet

È online il nuovo sito internet di Caffè Kamo, brand giovane ma di antica tradizione. Il progetto web – nato dopo 12 mesi dalla prima versione – si è reso necessario per aggiornare i clienti, i partner dell’azienda e tutti gli amanti del caffè in generale, sui numerosi progetti ed attività che l’azienda ha sviluppato nell’ultimo anno. Il nuovo portale consente, infatti, una migliore organizzazione delle varie sezioni attraverso un layout grafico più funzionale ed accattivante.
Il sito, disponibile all’indirizzo www.caffekamo.it, è user friendly, di semplice navigazione, e coniuga un design originale ed innovativo con contenuti di facile fruizione, grazie al pratico scroll down delle sezioni. Un progetto che rispetta le più recenti tecniche di responsive design consentendo un’ottima navigazione anche da smartphone e da tablet.
L’utente potrà spaziare tra notizie e approfondimenti, curiosità e immagini: il sito Caffè Kamo – presto consultabile anche in inglese e in francese – offre due livelli di contenuti pensati per differenti momenti ed esigenze. Chi desidera scorrere in velocità le varie aree del sito, potrà muoversi con agilità attraverso pillole salienti e seguire il racconto visivo delle infografiche animate; chi invece cerca notizie più dettagliate, sarà soddisfatto con testi approfonditi.

Una homepage glamour e suggestiva spazia tra l’area “Ti presento Kamo”, con un emozionante storytelling, e la sezione “Il Caffè” che, con una curata infografica, spiega tutti i passaggi del caffè, dalla pianta alla tazzina. Entriamo poi nel mondo dei Bar con una sezione multilivello tra i segreti delle miscele Kamo, le ricette delle specialità ed il viaggio tra i “Punti Kamo”. Accessori, complementi d’arredo e gadget completano l’area dello “Stile”.

Si passa poi al “SocialKamo”, l’area costantemente connessa alle pagine ufficiali: Facebook, Twitter, Instagram, Pinterest, Google Plus, Vimeo e Youtube. Il divertente social wall permetterà di monitorare, in tempo reale, tutto quello che accade sui canali Kamo: gli utenti possono diventare protagonisti scattando foto con l’hashtag #caffekamo.

Il “Magazine” racconta le ultime sul mondo di Kamo e le news sul caffè, infine in “ComuniKamo” vengono condivise le attività di comunicazione intraprese con video e immagini.

A Palazzo Caracciolo i migliori vini rosé selezionati dal Gambero Rosso

Smart, versatili e di tendenza, ecco i vini rosati, protagonisti, martedì 19 luglio a partire dalle ore 20.00, a Napoli – presso Palazzo Caracciolo MGallery by Sofitel, in via Carbonara 112 – I Drink Pink, l’evento in rosa dell’ estate napoletana giunto alla sua X edizione, firmato da Città del gusto Napoli.

Gli amanti del buon bere avranno solo l’imbarazzo della scelta, grazie ad una selezione di etichette di aziende italiane , ampia e variegata; un quadro ben rappresentativo della produzione rosé nazionale, dall’Alto Adige alla Puglia, che vede ovviamente le aziende campane in primo piano.

Il tema principale della serata è il colore rosa e non potevano certo mancare percorsi di gusto ispirati a questo colore.

A portare alta la bandiera dei cibi en rose fra il percorso d’autore e lievitati d’ autore ci saranno i “ Salumi dei fratelli Corrà”, specializzati in affumicature e nella produzione di salumi senza conservanti con i loro prodotti tipici e originalissimi.

La Mortandela della Val di Non, salume interamente lavorato a mano a base di pasta macinata di carni di maiale avvolto in una rete di maiale e successivamente affumicato su di un legno di faggio e ginepro e successivamente stagionato. La particolarità di questo prodotto sta nelle dosi delle spezie contenute nell’impasto, che non sono prestabilite, ma ogni famiglia ha la sua ricetta che custodisce gelosamente. Inoltre ci sarà in degustazione la Schiena di Maiale Trentina, prodotto da una fusione di lonza e lardo.

Ad accompagnare la degustazione gastronomica en rose, dei salumi e non solo, ci sarà un percorso di fragranti lievitati del maestro pizzaiolo di Città del gusto Napoli Gennaro Sarno, un abbinamento perfetto per una serata quanto mai piena di gusto e di originalità.

Molte saranno le sorprese gastronomiche che attenderanno i partecipanti.

Il maestro pasticcere Raffaele Capparelli, della pasticceria “ Il Capriccio” a Via Carbonara 39 (Na), proporrà una degustazione dei golosi prodotti provenienti dalla sua arte dolciaria, in linea con il mood della serata, ai quali sarà difficile resistere.

A suggellare l’atmosfera di gran classe del wine party, la musica “da degustazione” selezionata dai Dj di Lunare Project per vivere il feeling dell’estate, del mare e delle emozioni, in perfetta sintonia con il mood sofisticato ed elegante degli eventi firmati Città del gusto Napoli Gambero Rosso e Radio Yacht, la radio à porter dedicata agli spiriti liberi.

Palazzo Caracciolo è un palazzo monumentale ubicato in via Carbonara, nel cuore pulsante di Napoli. L’edificio fu eretto dai principi di Caracciolo di Santobuono nel 1584 ed è stato anche la residenza del Re di Napoli Gioacchino Murat. Oggi il Palazzo Caracciolo MGallery by Sofitel è un hotel di lusso e accoglie i suoi ospiti con il desiderio di regalare loro un affascinante “viaggio nel tempo.

Drink Pink potrà essere seguito live su Facebook, Twitter ed Instagram attraverso immagini, parole e sensazioni della serata, tramite l’hashtag #idrinkpink.

Ecco un breve abstract delle cantine presenti ad oggi, con i loro prodotti in degustazione:

SERGIO MOTTURA Civitella Rosato

FERGHETTINA Franciacorta Rosé Milledì

CAVALIER PEPE Rosato del Varo Irpinia Rosato DOC 15; Vela Vento Vulcano Irpinia Rosato DOC 15; Or rOSè Vino spumante di qualità rosato

FONTANAROSA Sannio Aglianico Rosato DOC

CANTINE ZACCAGNINI Aster Spumante Rosé Extra Dry; Myosotis Cerasuolo d’Abruzzo DOC 15

FONTANAVECCHIA Aglianico del Taburno Rosato DOCG 15

TENUTA SAN FRANCESCO Costa d’Amalfi Rosato DOC

TENUTA MATTEI Stain Rosato Marche IGT 14

SAN MARZANO Tramari Rosé di Primitivo Salento IGP 15

VILLA RAIANO Orano Campania Rosato IGT 15

MARISA CUOMO Costa d’Amalfi Rosato DOC 15

VINICOLA PALAMA’ Metiusco Salento IGP Rosato 15

CANTINE SAN PAOLO Jacarando Spumante Extra Dry Rosé V.S.Q. 15

EMERA Rose Salento Rosato Negramaro IGP 15

TERRE DI SAN VITO Mosì Puglia IGP 15

BORGODANGELO Irpinia Rosato DOC 15