Università Pegaso, ipotesi corruzione: indagati i vertici dell’ateneo

Napoli, inchiesta sull’Università Pegaso: ipotesi di corruzione per sfruttare la norma di equiparazione fiscale con gli Atenei statali

Napoli Pegaso
Logo Università Pegaso (Foto Facebook)

L’Università telematica Pegaso è finita in un’inchiesta della Guardia di Finanza. Secondo organi di stampa la Procura di Napoli sta indagando su Danilo Iervolino, il presidente, Elio Pariota, il direttore generale, Maria Rosaria Andria, il capo dell’Ufficio Marketin, e il vice prefetto Biagio Del Prete che all’epoca dei fatti era capo della segreteria.

L’inchiesta riguarda il 2018 e 2019 e l’iter dell’approvazione di un emendamento alla legge di Bilancio 2020 sulla mutazione dell’Università in società per azioni. L’ipotesi di reato è corruzione.

Tra gli indagati che anche l’avvocato Francesco Fimmanò in quanto direttore scientifico. Il legale aveva presentato ricorso contro una delle perquisizioni effettuate dalla Fiamme gialle che ieri il Tribunale  del Riesame ha ritenuto illegittima. Sono una decina infatti le perquisizioni disposte dai Pm Giuseppe Lucantonio e Henry John Woodcock.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Liguria, Sanremo e Ventimiglia in zona rossa: nuova ordinanza

Inchiesta Università Pegaso, si sospetta corruzione: la tesi della difesa

Il presidente della Pegaso Danilo Ievolino (foto profilo Facebook)

Al centro delle indagini ci sono due punti in particolare: la trasformazione dell’Università in Srl e l’inserimento dell’emendamento della legge di Bilancio in modo da consentire alle Università private un’agevolazione fiscale come quella degli Atenei statali.

Il 50% dell’Università è di Iervolino, la restante metà è di un fondo americano. Nel giugno 2019 l’Università modificò il proprio Statuto quando il Ministero diede il nulla osta. Precedentemente su chiesto un parere consultivo al Consiglio di Stato. Il sospetto degli investigatori è che in questi passaggi possa esserci stata corruzione nei confronti di pubblici ufficiali.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>>  Bonus occhiali e lenti a contatto: a chi spetta e come ottenerlo

Come riporta Repubblica, la difesa sostiene che la norma della legge di Bilancio 2020 che equipara i regimi fiscali non avvantaggia la Pegaso perché c’è un’eccezione: non riguarda gli Atenei che non hanno come forma giuridica la società di capitali.