Vaccino, nuovo carico di Pfizer arrivato in Italia

Vaccino, nuovo carico di Pfizer arrivato la scorsa notte a Malpensa. La Gb dà via libero ad AstraZeneca-Oxford

Vaccino pfizer
Getty Images

Arrivata in Italia la prima fornitura dei vaccini settimanali della Pfizer. Il primo dei sei aerei è atterrato all’aeroporto milanese di Malpensa la scorsa notte, alle 4. 470mila dosi al suo interno che all’uscita sono state scortate dalla polizia e dalla Guardia di Finanza.

Ieri l’assessore lombardo al Welfare Giulio Gallera ha spiegato che 94.770 dosi di quelle arrivata qualche ora fa sono destinate alla regione Lombardia. Le dosi saranno portate direttamente nei siti di somministrazione da oggi e le consegna andranno avanti anche nell’ultimo giorno dell’anno.

Lo ha comunicato lo staff del Commissario Arcuri annunciando che sarà stilato un report e pubblicato online sul numero dei cittadini che man mano si vaccineranno.

Intanto ieri l’Aifa, l’Agenzia Italiana del Farmaco, ha reso noto che da ogni flaconcino del vaccino Pfizer è possibile ottenere sei dosi e non cinque: così con mille fiale si potranno vaccinare 6mila persone e non 5mila come programmato inizialmente.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Omicidio Agitu, svolta nelle indagini: arrestato un suo collaboratore

Vaccino, la Gran Bretagna autorizza AstraZeneca: è il secondo a ottenere l’ok

In un’intervista al quotidiano belga Het Nieuwsblad, Noel Wathion, vice direttore dell’Ema, l’Agenzia Europea del Farmaco, aveva detto che è “improbabile” che l’Agenzia dia il via libera per il vaccino della AstraZeneca a gennaio.

Esattamente in controtendenza con queste dichiarazioni, in Gran Bretagna la Medicines and Healthcare products Regulatory Agency (Mhra) ha dato il suo parere positivo per il vaccino della AstraZenaca sviluppato con l’Università di Oxford.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus, il bollettino di oggi 29 dicembre

Già oggi cominceranno le distribuzioni di quest’altro vaccino che va somministrato tra le dodici settimane tra una dose e l’altra. La Gran Bretagna aveva già dato l’ok anche alla Pfizer e l’8 dicembre aveva cominciato la campagna di vaccinazione.